Misano Adriatico – Ieri pista bagnata primo Dovizioso avevamo titolato Rosso di sera Ducati si spera. Stamane pista asciutta sole di mattina Ducati s’avvicina. Andrea Iannone primo con la Ducati Pramac in 1’34″120, Andrea Dovizioso secondo con la Ducati Team ad appena 35 millesimi. Un nulla. Megli di così non si poteva sperare. Ora aspettiamo la conferma della qualifica.
E’ accaduto tutto negli ultimi sei minuti dei 45 a disposizione. La Yamaha ha attaccato con Jorge Lorenzo che alla fine è scivolato in terza posizione a 136 millesimi da Iannone, Valentino Rossi si è fermato alla sesta casella conm 332 millesimi di ritardo. Da parte sua la Honda ha preferito il bluff ed ha tenuto coperte le carte con Marc Marquez quarto con 164 millesimi di distacco e Dani Pedrosa quinto con 300.
La top ten che dà l’accesso diretto alla Q2 è stata completata dai fratelli Espargaro, Aleix settimo con la Yamaha Forward a 460 millesimi e Pol nono con la Yamaha Tech3 a 483, Bradley Smith ottavo con l’altra Yamaha Tech3 a 466, Alvaro Bautista decimo con la Honda Gresini a 646.
Dovranno conquistarre i due posti in palio in Q1 Stefan Bradl, Cal Crutchlow, Scott Redding e Yonny Hernandez che sembrano i quattro più accreditati rispetto agli altri rimasti fuori.

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.