San Marino – Nel warm up tutti Rossi di paura. In gara tutti ai piedi di Rossi. Il re è tornato. VAlentino IX è di nuovo sul trono. Emozionante e storico. La gara si è decisa quando mancavano 19 giri alla conclusione. Vale e Marquez avevano sbrigato la pratica Lorenzo partito bene dalla pole posizione e rimasto in testa per tre giri e si erano messi a tirare per contendersi il primo. In un ennesimo attacco fatale l’arrivo lungo in curva delloa spagnolo che si è coricato. La moto si è spenta e quando l’ha rimessa in moto era 20mo (è arrivato 15mo al traguardo conquistando un punto iridato). Da quel momento Valentino è volato verso il trionfo inarrestabile e inesorabile. Lorenzo è stato staccato progressivamente fino ad un massimo di 2″5 e solo nell’ultimo giro il Dottore ha mollato concedendo al compagno di squadra di arriva, secondo, con 1″578 di distacco. La Yamaha Factory ha conquistato così i primi due gradini del podio. Dopo otto podi, per Valentino è arrivata la prima vittoria del 2014. Soprattutto Vale ha interrotto il digiuno che durava da Assen 2013. Il successo del nove volte campione del mondo mette fine anche al dominio della Honda, che tra Marquez e Pedrosa aveva monopolizzato fino a questo punto la stagione.
Dietro altra emozionante lotta tra Iannone, Pedrosa e Dovizioso nell’ordine quarto, quinto e sesto. Il pilota della Ducati Pramac ha dovuto cedere al ritmo dello spagnolo e dell’italiano della Ducati Team. Dani è passato così al quarto  posto seguito da Dovizioso. Quarto posto diventato terzo dopo l’uscita di scena di Marquez, che ha conservato fino al traguardo dove è giunto con 4″276 di distacco. Dovizioso quarto a 5″510. Più staccato Andrea Iannone, quinto con 11″771 di ritardo. A 18″999 è giunto, sesto, Pol Espargaro con la Yamaha Tech3, a 23″1”, settimo, Bradley Smith con l’altra Tech3, a 36″458, ottavo, Alvaro Bautista con la Honda Gresini, a 38″480, nono, Cal Crutchlow con la Ducati Team, a 45″878, decimo, Yonny Hernandez con la Ducati Pramac.
Nella classifica iridata Marquez rimane in testa con 289 punti seguito da Pedrosa con 215, Rossi 214 e Lorenzo 177.

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.