Guida autonoma, Volvo si prepara al futuro con Drive Me e IntelliSafe Auto Pilot

Drive Me è la prima iniziativa su larga scala nell’ambito della guida autonoma. Avviata nel 2013 è pronta a entrare nel vivo sulle strade di Goteborg nel 2017. Fondamentale per il progetto è lo studio dell’interfaccia utente per il passaggio del controllo della guida dall’uomo alla macchina.

Volvo Car Group initiates world unique Swedish pilot project with self-driving cars on public roads

Volvo e Autoliv, azienda specializzata nella tecnologia per la sicurezza automobilistica, stanno sviluppando il progetto Drive Me, la prima iniziativa su larga scala a livello mondiale nell’ambito della guida autonoma (AD, Autonomous Driving) avviata nel 2013 e pronta a entrare nel vivo sulle strade di Goteborg nel 2017.

Il progetto Drive Me vede coinvolte 100 XC90 a guida autonoma che verranno utilizzate da famiglie e pendolari sulla rete stradale pubblica e nelle normali condizioni di traffico quotidiano nella città di Gotegorg. Un’iniziativa unica, in cui per la prima volta delle auto dotate di tecnologia AD vengono messe a disposizione del pubblico per un utilizzo quotidiano.

Volvo e Autoliv lavoreranno insieme condividendo le attività di ricerca e sviluppo nell’area delle tecnologie di sicurezza più avanzate, mentre ingegneri ed esperti in altri settori di entrambe le aziende collaboreranno per sostenere l’introduzione dei sistemi di sicurezza attivi.

Drive Me è il risultato di un’ampia collaborazione fra numerosi enti pubblici e privati, fra cui l’Amministrazione dei Trasporti Svedese, l’Agenzia per i Trasporti Svedese, la Chalmers University, il Parco Scientifico Lindholmen e il Comune di Goteborg.

La tipologia di partecipanti al progetto rispecchia i numerosi e differenti benefici che ci si attende dalla guida autonoma, come ad esempio un uso più efficiente della rete viaria, un utilizzo più economico dei veicoli, strade meno congestionate e una migliore pianificazione urbanistica.

Ma l’aspetto più importante è il suo potenziale di ridurre drasticamente il numero di incidenti stradali e quindi di feriti e di morti dovuti a questi ultimi. Sulla base di alcune statistiche, infatti, si stima che oltre il 90% di tutti gli incidenti mortali sia causato da errori umani, generalmente dovuti a disattenzione.

“Grazie alla continua evoluzione delle automobili con guida autonoma, gli errori umani subiranno una riduzione significativa e queste vetture saranno sostanzialmente in grado di garantire un nuovo livello di sicurezza automobilistica”, Jan Carlson, presidente di Autoliv.

L’avvento della guida autonoma fa sì che il rapporto fra l’automobilista e l’interfaccia utente della vettura assuma un’importanza fondamentale: il passaggio del controllo della guida diventa un elemento basilare di qualsiasi nuova tecnologia di AD che possa considerarsi affidabile. A tal proposito Volvo ha presentato una delle interfacce più avanzate e intuitive del settore, che verrà utilizzata per supervisionare come gli automobilisti trasferiranno il controllo della guida alla modalità di guida autonoma e sarà testato all’interno del progetto Drive Me.

Il sistema IntelliSafe Auto Pilot funziona in modo semplice e intuitivo. La modalità di guida autonoma viene attivata e disattivata tramite speciali leve di selezione collocate sul volante. Quando si arriva su un percorso su cui è disponibile la guida autonoma, l’automobile segnala al conducente che l’Auto Pilot è pronto per l’attivazione, contemporaneamente le luci poste sui comandi al volante cominciano a lampeggiare.

167798_IntelliSafe_Auto_Pilot_interface

A questo punto è sufficiente che il guidatore tiri entrambe le leve sul volante simultaneamente per attivare la modalità di guida autonoma. Le luci sul volante smettono di lampeggiare, diventando di colore verde, e l’Auto Pilot conferma che la guida e il controllo della marcia sono “in mano” all’automobile.

Quando la guida autonoma non è più disponibile sul percorso, invece, l’auto segnala al guidatore di riprendere il controllo, visualizzando un conto alla rovescia di 60 secondi. Se chi guida non aziona i comandi per riprendere il controllo entro i 60 secondi, l’auto attiverà una procedura sicura di arresto.