Rimini  – A neanche due mesi dall’inaugurazione della seconda  edizione di H2R – Mobility for sustainability all’interno della piattaforma internazionale di Ecomondo, a Rimini Fiera fervono i preparativi per accogliere espositori, visitatori, ricercatori e media in una offerta dal  respiro sempre più internazionale che da 18 anni si riconferma punto di riferimento per tutti coloro che promuovono la cultura del riuso. La manifestazione attrae imprese e istituzioni al lavoro per alimentare uno dei settori fondamentali per la ripresa economica, quello che guarda l’innovazione, per consentire risparmi all’ambiente ed efficienza nell’uso delle energie, riunendo i maggiori esperti europei in tema di ricerca scientifica, con particolare riguardo agli strumenti economici che la Commissione europea mette a disposizione per l’eco-innovazione. Una rassegna, dunque, unica nel suo genere che propone e promuove start-up, green jobs, trasporto sostenibile e veicoli ecologici, innovation technology ed eco design industriale all’interno di altrettanti saloni dedicati. Quest’anno, infatti, dal 5 all’8 novembre, in contemporanea a Ecomondo e a H2R si terranno Key Energy, fiera internazionale per l’energia e la mobilità sostenibile, Key Wind, salone dell’energia del vento,  Cooperambiente, salone del sistema cooperativo legato all’ambiente, e Città sostenibile, la rete delle città intelligenti.
Ecomondo rappresenta una concreta opportunità di business legata alla green economy anche grazie all’elevato profilo dei seminari impostato dal board scientifico guidato dal prof. Fabio Fava. Molti ed articolati gli appuntamenti imperdibili, già a calendario.
A Ecomondo, per il terzo anno e alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, il 5 e il 6 novembre si svolgeranno gli stati generali della green economy: “Imprese e lavori per una green economy”, a cura della Fondazione Sviluppo Sostenibile, dettaglierà su quanto sviluppato in questi mesi con il contributo di 66 organizzazioni di imprese impegnate nel settore ambientale, in collaborazione con il ministero dell’Ambiente e con il ministero dello Sviluppo Economico. Parallelamente, il Premio Sviluppo sostenibile 2014 andrà alle imprese che si sono particolarmente distinte per impegno innovativo ed efficacia dei risultati per uno sviluppo sostenibile, nonché per le start-up dedicate alla produzione di beni e servizi della green economy.

SHARE
Dal 1993 pubblicista iscritta all’Ordine dei giornalisti. Diplomata al Conservatorio, ha fatto esperienze musicali come cantante. Le piace Brahams ma ascolta Charlie Parker. Ha un debole per il sushi e la cucina cinese. Ama i gatti neri. Collaboratrice di Automotonews.com dal 2001.