Per la prima volta al mondo un singolo modello sarà equipaggiato con tre differenti alimentazioni: ibrido, 100% elettrico e ibrido plug-in. Hyundai inizia a svelare le prime informazioni tecniche. Il debutto ufficiale al Salone di Ginevra 2016.

Hyundai Ioniq, prime foto e info del primo modello al mondo con tre motori

Hyundai ha finalmente svelato le primissime foto e le prime informazioni ufficiali sulla Ioniq, primo modello di una nuova generazione di veicoli a propulsione ibrida.

“Questa nostra novità assoluta in tema di vetture ibride rappresenta il punto di partenza dei nostri piani di sviluppo in merito alla mobilità del futuro”, Rag Jung, capo project management division del Centro R&D Hyundai di Namyang.

Sotto la carrozzeria a cinque porte con stile da coupé, la Ioniq mostra tutta la sua innovazione con un telaio creato appositamente per ospitare tre differenti propulsori. Si tratta di una struttura realizzata per il 53% in acciaio avanzato ad alta resistenza, abbinato al leggero alluminio: complessivamente, questa scelta ha fatto risparmiare 12,6 kg (45%) nella produzione di componenti non strutturali come il cofano, il portellone posteriore e altri elementi delle sospensioni. Nelle aree dove è invece necessario assorbire al massimo l’energia sprigionata in caso d’urto o incidente è stato impiegato acciaio ad alta resistenza di ultimissima generazione.

La Ioniq nasce quindi dalla precisa scelta strategica di Hyundai di equipaggiare un’auto con più propulsori: ibrido, 100% elettrico e ibrido plug-in. Una vera première mondiale, con la Ioniq dotata di motore ibrido 1.6 GDi benzina/elettrico scelta come prima versione da immettere sul mercato.

Hyundai Ioniq, prime foto e info del primo modello al mondo con tre motori

Il 1.6 GDi serie “Kappa” scelto per la Ioniq eroga una potenza massima di 105 cv, da sommare ai 43,5 cv dell’unità elettrica. In particolare, il nuovo 1.6 GDi raggiunge la miglior efficienza termica al mondo (40%). Testata e blocco motore sono ora distinti e separati per ottimizzarne il raffreddamento, mentre l’impianto d’iniezione diretta GDi ad alta pressione (200 bar) sfrutta inediti iniettori a 6 ugelli, ottimizzando ulteriormente il consumo di carburante e le emissioni di CO2.

Accanto a questo, c’è un’altra novità assoluta impiegata sulla Ioniq: la batteria ai polimeri di litio ad alta capacità, che promette ottime prestazioni sia durante l’utilizzo sia in fase di ricarica, ottimizzando il proprio contributo al motore durante la marcia e rigenerando rapidamente la carica necessaria. A gestire la potenza a disposizione è demandata la trasmissione DCT (doppia frizione).

Al momento queste sono le uniche informazioni sulla prima vettura di serie a permettere di scegliere tre differenti alimentazioni. Non resta quindi che attendere il debutto ufficiale al Salone di Ginevra 2016 (3-13 marzo), con un’anteprima prevista a fine mese in Corea del Sud, per scoprirne di più.

Hyundai Ioniq, prime foto e info del primo modello al mondo con tre motori

NO COMMENTS

Leave a Reply