I millennials italiani abituati a comprare online qualsiasi cosa diventano più riflessivi quando l’oggetto in questione è l’automobile. Dopo una prima ricerca online, infatti, puntano al test drive, alla visita in concessionaria e al confronto con un esperto. Sono questi i principali risultati di un’indagine condotta da DriveK e Subito, e presentata nel corso dello IAB Internet Motors 2018, l’evento giunto alla diciottesima edizione e ormai punto di riferimento per l’intera industria automobilistica.

Il sondaggio è stato condotto su un panel di 1.000 utenti under 35 alle prese con l’acquisto dell’auto. Per il 61% di chi vuole l’auto usata, questa è “solo” un mezzo di trasporto, percentuale che supera il 75% tra chi la cerca nuova. Siamo molto lontani dallo stereotipo di utilizzo della macchina come strumento di espressione del proprio status, indicato solo dal 5% (sull’usato) e dal 6,6% (sul nuovo). Il prezzo rappresenta la variabile per eccellenza, indicato da oltre il 90%, ben più forte dell’estetica del veicolo (68%) e del marchio (30%). Tra chi punta all’usato il 47% dei millennial vorrebbe spendere meno di 10.000 euro.

Emerge, infine, la consapevolezza che quando ci si pone di fronte a una scelta importante come l’acquisto di un’auto è bene affidarsi a un esperto: oltre il 30% ha ammesso di essere ricorso o di voler richiedere l’aiuto di una figura super partes che aiuti a scegliere senza errori e ansia. Un approccio ben lontano rispetto a quanto dichiarato dagli over 35 che si fidano solo di se stessi (43,4%).

Se è vero che i millennial non hanno intenzione di acquistare online l’auto, il web resta comunque una risorsa fondamentale: il 76% degli under 35 alle prese con l’auto nuova vorrebbe poter gestire le pratiche amministrative online, il 50% il finanziamento e il 34% le pratiche della permuta dell’usato. Chi sta cercando l’auto usata, invece, auspica un live stream del veicolo, magari con la consulenza in diretta del concessionario.

SHARE
Arturo Salvo
Giovane, carino e in cerca di fortuna. Legge in continuazione, di conseguenza sente l'esigenza di dover scrivere. Ha un cane, un gatto e un pappagallo. Citazione preferita: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza".