Quale sarà l’impatto economico e sociale dei veicoli a guida autonoma? Uno studio commissionato da Nissan Europa, uno dei più vasti e completi mai realizzato sull’argomento, ci fornisce qualche informazione utile. Tanto per cominciare, il report sottolinea come governi ed enti debbano agire per superare le sfide tecnologiche e sociali della guida autonoma.

La ricerca si è concentrata su Italia, Germania, Spagna, Regno Unito, Francia e Norvegia, esaminando le questioni del dibattito politico intorno alla guida autonoma e valutando il possibile impatto economico.

Dall’analisi emerge che i veicoli a guida autonoma incrementeranno dello 0,15% il tasso di crescita annuo europeo nei prossimi decenni. Ne consegue un aumento complessivo del PIL europeo del 5,3% nel 2050 rispetto ai valori attuali per un totale di 17 trilioni di euro. Una cifra impossibile da immaginare.

“È in corso una rivoluzione sociale ed economica. La guida autonoma sarà determinante non solo per l’industria automobilistica ma per tutte le economie e le società europee”, Paul Willcox, presidente di Nissan Europa.

Le conclusioni a cui giunge il report sono supportate da un ampio studio in sei Paesi europei (su 6.000 individui) che ha intercettato i principali vantaggi della guida autonoma secondo i consumatori:

  • Il 58% degli intervistati ritiene che una maggiore mobilità sia il principale vantaggio dei veicoli a guida autonoma. Soprattutto per le categorie più vulnerabili, come disabili o non vedenti.
  • Il 52% ritiene che la guida autonoma contribuirà a ridurre il numero di incidenti provocati da errori umani e il 43% sostiene che non ci saranno più guidatori pericolosi.
  • I principali vantaggi per la salute sono la riduzione degli incidenti e la riduzione dei livelli di stress, a pari merito, con il 56% delle risposte.
  • Quattro persone su cinque (81%) dichiarano di svolgere più di un’attività mentre guidano. Non sorprende quindi che il 50% ritenga che il principale vantaggio della guida autonoma sarà poter fare altro mentre ci si trova a bordo di un’auto. Come occupare il tempo? Leggendo un libro o il giornale (37%), lavorando (30%), guardando la TV o un film (20%).
  • Un intervistato su quattro (23%) si dichiara intenzionato ad acquistare un’auto a guida autonoma nei prossimi 5 anni.

Come naturale che sia, le nuove tecnologie destano anche qualche preoccupazione. Il 48% degli intervistati, infatti, dichiara che il principale svantaggio delle auto a guida autonoma è la possibilità di un malfunzionamento a cui segue il timore di non avere il pieno controllo del veicolo (39%), cui si aggiunge il pensiero che i tassisti possano restare senza lavoro (28%).

ECCO UN’INFOGRAFICA

guida autonoma nissan