Il Controllo Adattivo della velocità di crociera Intelligente (i-ACC) è in grado di prevedere e reagire prontamente all’eventuale “invasione” di corsia da parte di altri veicoli. Il debutto sulla versione europea del nuovo CR-V 2015.

 

2015-cr-v-suv-interior

Honda introduce il primo sistema al mondo di controllo della velocità predittivo. Il sistema si chiama Controllo Adattivo della velocità di crociera Intelligente (i-ACC) ed è in grado di prevedere e reagire prontamente all’eventuale “invasione” di corsia da parte di altri veicoli. È il risultato di un progetto di Ricerca e Sviluppo eseguito da un team internazionale di Honda in Europa e in Giappone, ideato specificatamente per le strade europee.

L’i-ACC farà il suo debutto quest’anno sulla versione europea del nuovo CR-V solo nell’allestimento Executvie ed è stato sviluppato sul tradizionale sistema di Controllo Adattivo della velocità (ACC). I sistemi ACC tradizionali mantengono una velocità longitudinale preselezionata, che viene ridotta solo per mantenere la distanza di sicurezza dal veicolo che precede. Tuttavia, se un veicolo taglia la strada il sistema ACC tradizionale reagisce successivamente richiedendo una frenata più brusca.

Il nuovo i-ACC è in grado di rilevare la probabilità che un veicolo tagli la strada fino a cinque secondi prima che accada ed è quindi progettato per “reagire” in modo da non spaventare il guidatore che potrebbe non essersi ancora reso conto dell’imminente avvicinamento dell’altro veicolo.

In questo caso, il sistema applica inizialmente solo una leggera frenata e sul display del guidatore appare un’icona che lo informa della causa del rallentamento. Il sistema applica quindi una frenata più forte per adattare la velocità in modo da mantenere la distanza di sicurezza.

“L’i-ACC porta i sistemi di controllo adattivo della velocità di crociera a un livello completamente nuovo, offrendo ciò che noi definiamo sicurezza preventiva”, dr. Kleinehagenbrock, responsabile del sistema i-ACC.

COME FUNZIONA
Basato su ricerche condotte in situazioni reali con riferimento ai comportamenti di guida, l’i-ACC utilizza una telecamera e un radar a medio raggio per rilevare la posizione degli altri veicoli e applica un algoritmo per calcolare le probabilità che altri veicoli nelle corsie vicine taglino la strada, valutando le relazioni tra più veicoli.

Il sistema i-ACC riconosce il lato della strada in cui si trova il veicolo equipaggiato e rileva automaticamente quale fra i veicoli vicini costituisce il rischio maggiore a cui è necessario prestare attenzione.

Commenti


Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.

NO COMMENTS

Leave a Reply