Motor Show, stelle in azione alla MotorSport Arena

Motor Show, stelle in azione alla MotorSport Arena

0 2

Bologna – Dopo le emozioni regalate dalla Casa di Maranello con una selezione di vetture dal taglio spiccatamente racing che ha conquistato il pubblico, al Motor Show di Bologna, sino al 7 Dicembre, sulla MotorSport Arena brilleranno le stelle del Campionato del Mondo Rally, impegnate nella classica sfida in notturna del Findomestic Memorial Bettega Night Sprint, al volante delle migliori WRC sul tracciato misto terra-asfalto da 1020 metri. Domani 8 dicembre andrà in scena il Findomestic Memorial Bettega, sicuramente la gara più attesa di questa kermesse bolognese. Ad infiammare il pubblico, sempre domani, ci penseranno pure gli acrobati delle due ruote impegnati nel Bomboogie Xtreme SuperMotard.
Per l’occasione, non saranno protagonisti soltanto autentici assi del rallismo mondiale, ma pure il nove volte campione del mondo di motociclismo Valentino Rossi, che tornerà a pilotare la Ford Focus WRC. Il centauro di Tavullia dovrà confrontarsi con nomi davvero blasonati del Mondiale FIA WRC e non solo. Tra questi il finlandese vicecampione del mondo Mikko Hirvonen (pure su Ford Focus WRC) ed il francese Campione del mondo Junior WRC 2008 Sébastien Ogier sulla Citroën C4 WRC che ha appena conquistato il terzo titolo iridato. Sarà su una Citroën anche il norvegese campione del mondo 2003 Petter Solberg, che correrà con una Xsara WRC. Tre invece saranno le Subaru Impreza WRC al Motor Show 2009, destinate al finnico due volte campione del mondo (2000 e 2002) Marcus Gronholm, al giovane norvegese Mads Östberg e per il cesenate sette volte vincitore del Memorial Bettega Andrea Navarra.
Nella giornata odierna, i riflettori sono stati puntati sulla sfida tra Aston Martin, Ferrari e Lamborghini del Bomboogie GT Challenge. Ad imporsi, con la F430 GT2 della Casa di Maranello schierata dalla Villorba Corse, il fuoriclasse trevigiano Denny Zardo, uscito vincitore nella finalissima che lo ha visto contrapposto all’altro esperto pilota pavese Lorenzo Casè, impegnato al volante di una vettura “gemella” della AF Corse. Nonostante entrambi si siano aggiudicati una manche a testa, decisivo è stato il miglior tempo di 37”61 realizzato nel terzo giro della prima frazione di gara da Zardo, il quale ha così commentato questo trionfo: “Dedico la vittoria alla mia squadra. Su cinque partecipazioni è la quarta volta che riesco a vincere qui a Bologna. Dopo il titolo del CIVM conquistato quest’anno, è stato il miglior modo per chiudere la stagione 2009”.
A dare spettacolo al volante delle Ford Mustang nello Yokohama Superbikers Drifting, sono stati gli assi delle due ruote, con Andrea Dovizioso, Mattia Pasini, Andrea Iannone, Gianluca Nannelli e l’inossidabile Loris Reggiani, che hanno lasciato per una volta le moto per esibirsi nei controsterzi della spettacolare ma precisa disciplina del drifting.
Questa terza giornata del Motor Show è stata pure caratterizzata dal ritorno al passato con la Formula Legend, che ha riportato alla MotorSport Arena alcune monoposto di F1 decisamente interessanti. È il caso della Wolf WR9 ex James Hunt o della Theodore TR1 ex Keke Rosberg. Il pubblico che ha riempito le tribune ha potuto ammirare dal vivo le vetture che hanno fatto la storia della massima categoria.
Emozioni sugli scudi anche nel caso del Bomboogie Xtreme Supermotard, che ha visto protagonisti i migliori specialisti del panorama internazionale: il francese dell’Husqvarna campione del mondo 2009 Adrien Chareyre, il campione italiano Ivan Lazzarini su Honda, il belga campione del mondo 2003 Eddy Seel su Suzuki ed il vice campione del mondo 2004 Massimiliano Verderosa anche lui su Honda. A corollario di quest’evento di primo piano troviamo il Trofeo Supermotard HM Honda, il Trofeo Supermotard Suzuki e le piccole ma aggressive moto del Superchampion Minibike Motard.
Gli acrobati della Scuola di Polizia Stunt Show powered By Yokohama e i funamboli del Freestyle MX Contest hanno completato un ricco programma di eventi. (ore 12:24)

NO COMMENTS

Leave a Reply