Bruxelles – Mentre la diplomazia italiana lavora alacremente sull’asse Roma-Bruxelles sul caso del prestito varato dal governo nei giorni scorsi in favore dell’aviolinea, il capo di gabinetto del commissario Ue ai Trasporti Jacques Barrot, Benoit Le Bret, ha sottolineato ancora una volta che <<qualunque intervento in favore della compagnia rischierebbe di essere considerato un aiuto di Stato illegale, alla luce della regola: “one time, last time”. Alitalia – ha ricordato –  ha già ricevuto inoltre un prestito ponte nel 2006, autorizzato da Bruxelles in quanto non conteneva aiuti di Stato che potranno esserle elargiti non prima del 2011>>. (ore 11:00)