New York – Tagli e chiusure, la scelta di Chrysler per fare fronte al caro- petrolio. La casa di Detroit, infatti, ha annunciato che dal prossimo 30 Ottobre chiuderà lo stabilimento minivan di St.Louis e taglierà la produzione di pick up. Per Chrysler i problemi da affrontare sono i medesimi di Ford e Gm: un mercato in forte difficoltà e consumatori sempre più restii a spendere in vetture grandi, che obbligano a pieni di carburante esosi. Intanto Cerberus, il fondo che controlla Chrysler, fa sapere che le perdite dei primi 4 mesi ammontano a 300 milioni di dollari, a fronte dei 700 stimati.  (ore 11:00)