Roma – Quasi non  fa più notizia che i prezzi dei carburanti abbiano raggiunto nel weekend un nuovo record avvicinandosi sempre di più a quota 1,60  euro al litro. A dare il via ai nuovi rincari è stata l’Agip. Nei giorni scorsi la soglia di 1,55 euro era stata infranta dalla Erg, seguita poi da Shell. Un pieno, stimano le fonti, costa ormai circa 80 euro. A far scattare gli aumenti il nuovo record del prezzo del petrolio che ha sfondato i 147 dollari al barile. (ore 13:00)