Roma – Adusbef e Federconsumatori sono sul piede di guerra avendo osservato che nonostante il prezzo del greggio al barile sia finalmente in calo, il costo dei carburanti non accenna a scendere.
<<A Maggio il petrolio si attestava a 126 dollari al barile – si legge in una nota congiunta – Oggi il costo del greggio è tornato a tale livello. Sulle colonnine dei distributori, però, la differenza è lampante. A Maggio, infatti, la benzina e il gasolio si rivendevano a ben 10 centesimi in meno rispetto al prezzo odierno. Si tratta di una gravissima speculazione>>.  (ore 14:15)

NO COMMENTS

Leave a Reply