Uno dei motori a combustione interna più avanzati è pronto per la produzione. Uno sviluppo lungo 20 anni che culminerà con il debutto ufficiale al Salone di Parigi 2016.

Infiniti è pronta a stupire il mondo dell’auto. Quando? Il 29 settembre al Salone di Parigi, quando presenterà il motore VC-T (Variable Compression-Turbocharged), ovvero il primo propulsore a rapporto variabile di compressione pronto per la produzione e uno dei motori a combustione interna più avanzato mai realizzato.

In fase di sviluppo da più di 20 anni, il nuovo motore turbocompresso a 4 cilindri a benzina VC-T rappresenta un passo in avanti importante per la tecnologia dei motori a combustione interna.

“La tecnologia VC-T è un passo rivoluzionario nell’ottimizzazione ed efficienza del motore a combustione interna. Un passo in avanti che garantisce la potenza di un motore turbo a benzina da 2.0 litri e un alto livello di efficienza allo stesso tempo”, Roland Kruger, presidente Infiniti Motor Company.

Il nuovo capitolo nella storia dei motori a combustione interna (non più limitati a un rapporto di compressione fisso) si basa su fondamenta semplici. La semplicità della tecnologia del motore VC-T si riflette nel fatto che si sa trasformare senza interruzioni alzando o abbassando la portata dei pistoni.

57b08faf10536

Di conseguenza, la cilindrata del motore e il rapporto di compressione possono variare tra un indice di 8:1 (per  alte prestazioni) e 14:1 (per massima efficienza).  La sofisticata logica del controllo del motore applica automaticamente il rapporto ottimale, a seconda delle necessità delle condizioni di guida.

La tecnologia VC-T garantisce infine alcuni vantaggi tra cui un consumo di carburante notevolmente ridotto, basse emissioni e riduzione del rumore e delle vibrazioni; ed è inoltre più leggero e compatto rispetto ai tradizionali propulsori di pari categoria. Queste sono solo le prime informazioni rilasciate da Infiniti. Per scoprirne di più bisognerà aspettare il Salone di Parigi 2016.

57b08faeb69c6

NO COMMENTS

Leave a Reply