Alla kermesse di Colonia GSX-R125, GSX-S750, GSX-R1000 e GSX-R1000R, cui si aggiungono le nuove V-STROM 1000 e 1000XT e le V-STROM 650 e 650XT. Saranno tutte sul mercato dalla primavera 2017.

Il 2017 sarà per Suzuki l’anno del rilancio: ai cinque nuovi modelli presentati a Intermot se ne aggiungeranno infatti altri quattro a Eicma 2016. Andiamo con ordine, partiamo dalle novità svelate al Salone tedesco dedicato alle due ruote.

NUOVE GSX-R1000 ABS E GSX-R1000R ABS
La sesta generazione della più sportiva tra le Suzuki si rinnova completamente con le versioni GSX-R1000 e l’ancora più evoluta GSX-R1000R, entrambe con tecnologie mutuate direttamente dalla MotoGP.

Il nuovo quattro cilindri in linea da 998,8 cc e 202 cv a 13.200 giri/min adotta un nuovo sistema denominato Broad Power System, per ottenere il miglior compromesso tra la potenza e la coppia erogate a tutti i regimi. A questo obiettivo concorrono anche fasatura variabile (VVT), doppio iniettore verticale (S-TFI), bilancieri a dito (Finger Follower), parzializzazione dello scarico a tre valvole (SET-A).

Il telaio di nuovo design ha una ridotta dimensione trasversale, per migliorare l’aerodinamica, e massa diminuita del 10% (le moto pesano in totale, rispettivamente, 202 e 203 kg). Il cupolino è stato ridisegnato per ridurre la sezione frontale e migliorare la penetrazione aerodinamica.

Tra gli equipaggiamenti vanno segnalati le pinze radiali Brembo accoppiate a dischi T-Drive, il Motion Track Brake System (monitora costantemente la moto nei suoi movimenti sulle 6 direzioni dei 3 assi principali), il Motion Track Traction Control (consente di scegliere 10 livelli di intervento del controllo di trazione) e per la prima volta su una Suzuki non da competizione il Launch Control e il Quick Shift.

GSX-R125 ABS E GSX-S750 ABS
L’entry level della famiglia GSX-R unisce un motore 125 cc a un telaio compatto e leggero. Lo stile è ovviamente ereditato da quello delle sorelle maggiori e il monocilindrico DOHC quattro valvole offre prestazioni degne del nome. Di serie ABS, sistema Keyless e Suzuki Easy Start System.

La seconda GSX-S della serie, invece, si affianca alla versione da un litro presentata ad Intermot 2014. Dalla sorella maggiore eredita lo stile, il controllo di trazione a tre livelli e le pinze freno anteriori ad attacco radiale che lavorano su dischi a margherita e manubrio a sezione variabile. In più, è dotata di Low RPM Assist, Suzuki Easy Start System. Il motore quattro cilindri in linea di 749 cc produce un’accelerazione simile a quella della GSX-R750 ma un’erogazione fruibile anche per un uso stradale.

900B8CA8DAF9361896C3158DF9E731F8

NUOVE V-STROM 1000 ABS E V-STROM 1000XT ABS
I modelli Suzuki della serie Sport Adventure Tourer rispettano ora la normativa Euro 4, pur mantenendo le doti del noto bicilindrico a V di 1.037 cc. Il design si distingue per aver riportato sulla V-STROM un tocco stilistico, il becco anteriore, apparso sulla DR750S del 1988. Il comfort è di serie grazie a paramani, puntale e parabrezza più alto di 49 mm e regolabile in altezza e inclinazione. Sul fronte sicurezza troviamo Motion Track Brake System, Traction control, Low RPM Assist e Suzuki Easy Start System.

V-STROM 650 ABS E V-STROM 650XT ABS
Ulteriore evoluzione della serie V-STROM, e sponenti del concetto di Sport Adventure Tourer applicato al segmento delle medie cilindrate, le nuove V-STROM 650 e V-STROM 650XT montano l’ultima evoluzione del bicilindrico a V introdotto sulla SV650, il modello presentato allo scorso Eicma 2015, con potenza e coppia ottimizzati ed emissioni conformi alla normativa Euro 4. In comune con la V-Strom 1000, oltre al design, vengono introdotti il Traction Control, il Low RPM Assist e il Suzuki Easy Start System. La versione XT monta di serie ruote a raggi, paramani e puntale.

NO COMMENTS

Leave a Reply