Il design e la sportività del Giaguaro in un Suv compatto cinque posti. Disponibile con motori benzina e diesel con potenze da 150 a 300 cv, sarà in vendita dal prossimo inverno e avrà un prezzo d’attacco di 36.800 euro.

La Jaguar E-Pace si inserisce nel sempre più affollato segmento dei Suv compatti premium. Dna Jaguar e stile ispirato alla sportiva F-Type, la E-Pace è lunga 4,395 metri, con ridotti sbalzi anteriori e posteriori (rispettivamente di 882 mm e 832 mm) e un interasse da 2,681 metri che garantisce spazio a bordo e un capiente bagagliaio da 577 litri (con sedili abbattuti fino a 1.234 litri).

Il nuovo telaio è la base per capacità dinamiche da vera Jaguar, personalizzabili grazie al Configurable Dynamics che permette di settare le impostazioni di acceleratore, trasmissione automatica, sterzo e, se presente, del sistema di sospensioni Adaptive Dynamics. Questo tipo di sistema introduce una tecnologia di ammortizzazione a variazione costante: monitorando i movimenti della vettura ogni 2 millisecondi, carica preventivamente le sospensioni e regola l’ammortizzazione in modo da migliorare stabilità e agilità in ogni condizione di guida. Disponibile come optional, l’Adaptive Dynamics offre l’ulteriore vantaggio dei cerchi in lega da 21’’.

ABITACOLO DA PRIMA CLASSE

Jaguar E-PACE-99

Gli interni sono un’ulteriore testimonianza che la E-Pace è una Jaguar a tutti gli effetti. Tra materiali di qualità disseminati in tutto l’abitacolo e morbidi rivestimenti, il punto focale degli interni è il cockpit avvolgente con una posizione di guida rialzata. Lo schermo touchscreen da 10’’ del sistema infotainment Touch Pro ha permesso di ridurre il numero dei pulsati, mentre alle manopole sono state dedicate le funzioni di gestione del climatizzatore. Un Interactive Driver Display virtuale HD da 12,3’’ abbinato all’Head Up Display TFT a colori, invece, permette al guidatore di disporre di tutte le informazioni necessarie all’interno del proprio campo visivo.

LA GAMMA IN BREVE

Jaguar E-PACE-93

La Jaguar E-Pace sarà disponibile dal prossimo inverno con prezzi a partire da 36.800 euro, nelle varianti S, SE e HSE, e con cinque diverse motorizzazioni. Il motore diesel Ingenium 2.0 litri quattro cilindri è disponibile nelle versioni da 150 cv, 180 cv e 240 cv, mentre i due benzina Ingenium 2.0 quattro cilindri sovralimentati erogano 249 cv o 300 cv di potenza.

Un’ulteriore versione sarà la R-Dynamic, con dettagli stilistici all’esterno e negli interni che esaltano la raffinatezza e la sportività della E-Pace. Al lancio e per il primo anno di vendita, invece, sarà disponibile la E-Pace First Edition, equipaggiata esclusivamente con il diesel da 180 cv o con l’unità benzina da 249 cv e trasmissione ZF a 9 rapporti.

5 CURIOSITÀ DA SAPERE

Jaguar E-PACE-79

1) La Jaguar E-Pace offre una presa per ricaricare i dispositivi mobili a ognuno dei cinque passeggeri. Di serie ci sono quattro prese da 12 volt, posizionate nel portaoggetti centrale, sul retro della consolle per i passeggeri dei sedili posteriori e nel bagagliaio, oltre a due prese Usb all’interno del portaoggetti centrale. Su richiesta, è possibile avere delle prese aggiuntive e in questo caso la presa a 12 volt nel retro della consolle centrale viene sostituita da tre prese Usb. Oltre a ricaricare i dispositivi, le porte Usb nel portaoggetti centrale consentono anche il trasferimento dati (musica o video in streaming).

2) Come la F-Pace, anche la E-Pace offre l’Activity Key, il bracciale impermeabile e resistente agli urti che funziona da chiave per la vettura: per chiudere o aprire la E-Pace è sufficiente “stringere” virtualmente la mano alla vettura, tenendo il bracciale vicino alla parte superiore della targa posteriore.

3) Diversi elementi all’interno e all’esterno della vettura sono ispirati alle chicane di un circuito, come ad esempio nella linea dei gruppi ottici a Led posteriori.

4) Le manopole centrali del cruscotto, nella zona inferiore, sono ispirati ai comandi di una classica macchina fotografica Leica.

5) I tappetini anteriori e le etichette dei sedili (solo nella versione HSE) seguono la Teoria della Gestalt, il principio che descrive la percezione visiva e come le persone organizzano visivamente gli oggetti in gruppi o in unità sebbene non lo siano.

NO COMMENTS

Leave a Reply