Jean Todt rieletto presidente della Federazione Internazionale dell’Auto

Il 71enne francese ex team principal della Ferrari non ha avuto alcun rivale, per cui la sua elezione è stata una pura formalità. Resterà in carica per 4 anni fino al 2021.

Nell’Assemblea Generale di Parigi di questa settimana, Jean Todt è stato rieletto per la terza volta consecutiva presidente della Federazione Internazionale dell’Automobile e resterà in carica per i prossimi quattro anni fino al termine del mandato nel 2021. Il 71enne francese non ha avuto alcun rivale nella corsa alla presidenza, per cui la sua elezione è stata una pura formalità.

Todt si troverà a gestire alcune situazioni piuttosto spinose, soprattutto per quanto riguarda la Formula 1. Su tutte i continui battibecchi tra Ferrari e Liberty Media, con il presidente del Cavallino, Sergio Marchionne, che ha minacciato più volte l’addio se Chase Carey e la sua squadra snatureranno l’essenza della Formula 1, fatta di innovazioni tecnologiche (uno dei punti cardine del programma di Todt) e non solo di “show business”.

“È gratificante avere un supporto così solido – ha dichiarato Jean Todt dopo la rielezione –. Vorrei ringraziare tutti i club membri della Fia per il loro sostegno. La vedo come una conferma della direzione che la Fia ha assunto sotto la mia guida e come incoraggiamento a proseguire il programma che abbiamo perseguito negli ultimi otto anni. L’innovazione è essenziale se la Fia vuole proseguire a migliorare e prendere il posto che le spetta nel mondo come leader nello sviluppo della mobilità e degli sport motoristici. Per incoraggiare tutto questo, proponiamo di istituire un fondo per l’innovazione della Fia”.