Un inizio d'anno che promette un 2015 migliore dell'eccellente 2014. In Italia la Casa coreana ha più che raddoppiato la quota di mercato con le nuove Sportage e Rio che rappresentano la chiave del successo.

Kia Sportage 2015

Inizio d’anno esaltante per Kia Motors Italy che continua a crescere e guadagnare quote di mercato nel Bel Paese. Il mese di marzo, ad esempio, ha fatto segnare un primato assoluto per Kia con 3.611 immatricolazioni che corrispondo a un +25,8% rispetto allo stesso mese del 2014. Che il primo trimestre del 2015 possa rappresentare la premessa per un anno esaltate lo testimoniano sempre i dati, che non mentono mai in certi casi. Nell’intero trimestre, infatti, le 10.589 vetture immatricolate da Kia Motors Italy proiettano la quota di mercato nazionale di Kia al 2,47%, con un crescita del 20,1% rispetto al primo trimestre 2014. Si tratta di un risultato superiore anche alla crescita del mercato stesso che ha invece registrato un +13,5%.

Ancora più positivi sono i dati che fanno riferimento alle sole vendite a privati. Da questo punto di vista Kia ha consuntivato 9.184 unità immatricolate a privati (pari all’87% del totale) che valgono nel trimestre una quota-privati del 3,6%.

“I numeri sono il modo più immediato per misurare il nostro lavoro e questo scorcio di 2015 non può che renderci soddisfatti. Possiamo contare su una gamma attraente, completa e su un’immagine di brand in costante crescita. La creazione di Kia Motors Italy nel 2011 è stata una dimostrazione di stima e di fiducia della Casa madre per il nostro mercato e siamo orgogliosi di poter ricambiare quella fiducia con risultati sempre migliori”, Giuseppe Bitti, a.d. Kia Motors Italy.

Protagonisti del successo Kia sono infatti i nuovi modelli che vedono la nuova Rio leader assoluta affiancata da nuovo Sorento (CLICCA QUI PER LEGGERE IL TEST DRIVE) e, soprattutto, da Sportage, suv-crossover che ha fatto registrare una performance straordinaria con ben 1.467 immatricolazioni, raggiungendo il settimo posto nella classifica assoluta del suo segmento.

NO COMMENTS

Leave a Reply