La crescita del Gruppo Volkswagen non si arresta

Il Gruppo può contare su 12 marchi di prestigio e beneficiare delle capacità di 46.000 addetti allo sviluppo e 10.000 specialisti IT. Nel 2015 attese 50 novità, tra prodotti inediti, nuove generazioni di modelli esistenti e restyling.

La crescita del Gruppo Volkswagen non si arresta

Nel 2014 il Gruppo Volkswagen ha portato avanti il proprio percorso di crescita, nonostante la debolezza di alcuni mercati emergenti e un’economia globale incerta.

“Abbiamo fatto in modo che anche il 2014 fosse un anno positivo. Dal 2007 abbiamo scritto una storia di successo improntata sulla sostenibilità. Nel 2015 intendiamo migliorarci sotto ogni aspetto, compiendo un ulteriore passo in avanti nel cammino verso la vetta”, Martin Winterkorn, presidente del consiglio di amministrazione di Volkswagen AG.

Secondo Winterkorn, il Gruppo può contare su 12 marchi di prestigio e beneficiare delle capacità di 46.000 addetti allo sviluppo e 10.000 specialisti IT. A titolo di esempio, il presidente ha citato argomenti del futuro come la mobilità elettrica e la digitalizzazione. Già oggi, con auto elettriche come e-up! ed e-Golf, ibride plug-in come A3 e-tron, Golf e Passat GTE, Panamera E-Hybrid o Cayenne S E-Hybrid, fino alle punte di diamante a livello tecnologico come XL 1 e Porsche 918 Spyder, il Gruppo Volkswagen è in grado di offrire la più ampia gamma di veicoli elettrici del panorama automobilistico. Nell’ambito della digitalizzazione, il Gruppo si propone di integrare entro il 2020 l’accesso a internet su tutti i nuovi veicoli.

Nel 2014 le vendite del Gruppo sono cresciute del 4,2%, con 10,1 milioni di veicoli. I ricavi sono aumentati del 2,8%, attestandosi a 202,5 miliardi di euro, mentre l’utile operativo ha registrato un’impennata con un incremento pari a 1 miliardo di euro, che ha portato alla cifra record di 12,7 miliardi di Euro.

Analizzando brand per brand, si nota come Volkswagen ha generato nel 2014 ricavi per 99,8 miliardi di euro (+0,4%), Audi 53,8 miliardi di euro (+7,8%), Škoda 11,8 miliardi di euro (+13,9%), Seat 7,7 miliardi, Bentley 1,7 miliardi (+4,0%), Porsche 17,2 miliardi (+20,1%), Volkswagen Veicoli Commerciali 9,6 miliardi, Scania 10,4 miliardi.

“Siamo cauti, siamo sempre ben ancorati alla realtà nonostante i numeri positivi. Ci conoscete: il Gruppo Volkswagen non si è mai accontentato di raggiungere il risultato minimo. Il nostro obiettivo per il 2015 è crescere ancora, sia in termini di volume, sia per ricavi e utile operativo. Prevediamo un moderato aumento delle consegne, nonostante condizioni di mercato che rimarranno difficili”, Martin Winterkorn.

Quest’anno i marchi del Gruppo Volkswagen lanceranno complessivamente 50 novità, tra prodotti inediti, nuove generazioni di modelli esistenti e restyling. Tra questi ci sono modelli importanti come la nuova Touran, Audi Q7 e Audi A4, Porsche 911 e Porsche Boxster Spyder, Škoda Superb e Seat Ibiza.