Immaginate di trovarvi alla guida di una Nissan GT-R in Gran Turismo, solo che l’auto che state guidando non fa più parte di un videogame: è reale e può sfrecciare a 315 km/h. L’impresa è riuscita a Jann Mardenborough, pilota sportivo del team Nismo che sul circuito di Silverstone ha guidato una speciale GT-R/C dalla cabina di un elicottero con un controller della PlayStation 4.

Tra tutti i vincitori della GT Academy, il rivoluzionario programma Nissan di scoperta e formazione di piloti “virtuali”, Mardenborough è quello che ha riscosso maggior successo e per questo è stato scelto come il primo pilota a guidare una vera auto come se fosse un videogame.

La GT-R /C è stata progettata nel Regno Unito, da JLB Design, e nasce sulla base di una R35 del 2011 dotata di motore V6 standard da 542 cv. Nel giro più veloce in pista (1’17”47) ha registrato una media di 122 km/h, raggiungendo la velocità record di 211 km/h. A bordo integra quattro robot, che hanno il compito di azionare sterzo, trasmissione, freni e acceleratore, oltre a sei computer che aggiornano i comandi fino a 100 volte al secondo.

Il controller DualShock4 non modificato si collega a un micro-computer che interpreta i segnali provenienti dal joystick e dai pulsanti, per poi trasmetterli ai sistemi di bordo della GT-R/C. Per aiutare Mardenborough a valutare la velocità in curva, è stato installato un sensore in grado di inviare i dati relativi alla velocità su un display Lcd nella cabina dell’elicottero. Non solo: la GT-R/C presenta due sistemi di sicurezza indipendenti, basati su radiofrequenze diverse, che consentono a due operatori aggiuntivi di applicare la frenata con ABS e di arrestare il motore in caso il “guidatore” principale perda il controllo.