La nuova Mercedes Classe E sarà una delle auto “più intelligenti”

Un breve elenco delle caratteristiche più importanti del pacchetto dei sistemi di assistenza alla guida della futura Classe E che arriverà nel 2016.

Mercedes-Benz_Intelligent_Drive_(9)_1

Il futuro dell’auto è sempre più orientato verso la guida autonoma e soluzioni hi-tech in grado di rendere le automobili più sicure, eco-friendly e connesse. A questo proposito, con la nuova generazione di Classe E che arriverà nella primavera 2016, Mercedes si prepara a fare un ulteriore passo avanti in questo senso.

Ecco un breve elenco delle caratteristiche più importanti del pacchetto dei sistemi di assistenza alla guida che renderanno la futura Classe E una delle auto “più intelligenti”.

INTELLIGENT DRIVE NEXT LEVEL
Questo dispositivo è in grado non solo di mantenere automaticamente la distanza corretta dai veicoli che precedono su autostrade e strade extraurbane, ma anche di seguirli a velocità fino a 200 km/h. Fino a 130 km/h il sistema non dipende da strisce di demarcazione della carreggiata ben visibili, ma è in grado di intervenire attivamente anche in caso di linee poco chiare, come ad esempio in caso di cantieri lungo la strada, o addirittura assenti.

In combinazione con il Comand Online, la sottofunzione Speed Limit Pilot è in grado di regolare automaticamente la velocità della vettura in risposta alle limitazioni riconosciute dalla telecamera o dal sistema di navigazione, per esempio 50 km/h nei centri abitati o 100 km/h sulle strade extraurbane.

BRAKE ASSIST ATTIVO
Il Brake Assist attivo, che vanta ora una funzionalità più avanzata, avvisa il guidatore se c’è il rischio di un impatto, aiutandolo nell’eventualità di una frenata di emergenza e, se necessario, effettuando automaticamente la frenata. Il sistema riconosce non solo i veicoli che procedono lentamente, si arrestano o sono fermi, ma anche, per esempio, il traffico trasversale ad un incrocio, la fine di una coda e i pedoni che si trovano nella zona di pericolo davanti alla vettura.

SISTEMA DI ASSISTENZA ALLO STERZO NELLE MANOVRE DI SCARTO
È un’integrazione intelligente del sistema di riconoscimento dei pedoni del Brake Assist attivo. Se il guidatore inizia una manovra di scarto in modo consapevole o istintivo in una situazione di pericolo, la funzione fornisce assistenza imprimendo allo sterzo coppie sterzanti supplementari calcolate con precisione, aiutando così il guidatore ad evitare il pedone in modo controllato e facilitando poi il raddrizzamento della vettura.

REMOTE PARK PILOT E CHIAVE DIGITALE
Questo sistema consente di entrare e uscire dai parcheggi rimanendo al di fuori della vettura grazie all’apposita app per smartphone e, quindi, di salire e scendere dalla vettura in tutta comodità in caso di posteggi stretti.

Con la chiave digitale, invece, che sfrutta la tecnologia della Near Field Communication, si può utilizzare lo smartphone come chiave della vettura.

COMUNICAZIONE CAR-TO-X
Nel 2013, Mercedes è stata la prima Casa a introdurre sulle auto di serie il collegamento in rete Car-to-Car delle vetture sotto forma di soluzione montata a posteriori. Adesso arriva l’evoluzione di questo sistema: viene prodotta in serie la prima soluzione Car-to-X al mondo completamente integrata.

Lo scambio di informazioni basato sulla rete di telefonia mobile con altri veicoli consente di dare uno sguardo a quello che sta succedendo dietro l’angolo o dopo un ostacolo. Il guidatore viene così avvisato più velocemente rispetto al passato in caso di pericoli imminenti, come ad esempio un veicolo in panne al bordo della strada.

PRE-SAFE IMPULSE LATERALE E PRE-SAFE SOUND
Nel caso venga riconosciuto un impatto laterale non evitabile, grazie a questo dispositivo, disponibile come integrazione del pacchetto dei sistemi di assistenza alla guida, le camere d’aria dei sostegni laterali degli schienali si gonfiano rapidamente, spostando i passeggeri di lato e allontanandoli preventivamente dalla zona di pericolo. In questo modo aumenta la distanza tra occupanti e porta.

Il Pre-Safe Sound, invece, è un sistema che utilizza per la prima volta un riflesso naturale per proteggere l’udito dei passeggeri dai possibili rumori in caso di pericolo di collisione.