La rivoluzione della mobilità secondo Mercedes si chiama F 015

Le idee concrete e visionarie per la guida autonoma del futuro a cui Mercedes-Benz sta lavorando. Con questa berlina di lusso, l’auto trascende il suo ruolo di mezzo di trasporto per diventare uno spazio vitale privato.

WP_Mercedes-Benz_F_015_Luxury_in_Motion ces 2015

Nell’evoluzione da auto che si muove guidata da un individuo ad auto “autonoma”, gli esperti di Mercedes-Benz anticipano diverse prospettive e tendenze sociali, ponendo al centro l’uomo. È per questo che la F 015 Luxury presentata al CES 2015 di Las Vegas si presenta come concetto automobilistico innovativo: lo dimostrano le proporzioni straordinarie (lunghezza/larghezza/altezza: 5.220/2.018/1.524 mm), gli esterni monolitici che sembrano uscire da un unico blocco e i grandi moduli di illuminazione anteriori e posteriori a LED che possono svolgere diverse funzioni di illuminazione e permettono alla vettura di comunicare e interagire anche con il mondo esterno. Ad esempio, tramite il colore delle luci, la F 015 segnala in quale modalità si trova: blu significa guida autonoma, bianco guida manuale.

“Chi pensa solo alla tecnica non ha ancora capito come la guida autonoma cambierà la nostra società. L’auto trascende il suo ruolo di mezzo di trasporto per diventare uno spazio vitale mobile”, Dieter Zetsche, presidente del Consiglio Direttivo di Daimler AG.

All’interno della F 015 Luxury in Motion, i designer hanno creato un ambiente accogliente in stile lounge. Il cardine di questo concetto è il sistema versatile dei sedili che permette di disporre quattro “lounge chair” nella configurazione vis-à-vis. Per agevolare l’entrata o l’uscita dall’abitacolo, non appena si aprono le porte i sedili ruotano di 30° verso l’esterno. Se lo desiderano, guidatore e passeggero anteriore possono guardare avanti (presupposto della guida manuale). In tal caso il volante fuoriesce automaticamente dalla plancia.

Una delle idee centrali di questa vettura sperimentale è lo scambio di informazioni costante tra auto, passeggeri e mondo esterno. Per questo sono stati predisposti sei display perfettamente integrati nella plancia, nei rivestimenti laterali e nel pannello posteriore, che fanno dell’abitacolo della F 015 Luxury in Motion uno spazio digitale.

I passeggeri possono interagire intuitivamente con i sistemi di bordo mediante gesti, “eye-tracking” oppure toccando gli schermi ad alta definizione. I sensori riconoscono le mani dei passeggeri e offrono loro interfacce accessibili presentando le opzioni di volta in volta adeguate alla situazione.

UNA STRUTTURA RIVOLUZIONARIA
Grazie all’impiego di nuovi materiali e strutture è stato possibile sviluppare per la F 015 una “Smart Body Structure” (SBS). Calibrando nelle proporzioni di volta in volta più adeguate plastica rinforzata in fibra di carbonio (CFRP), alluminio e acciai ad alta resistenza, gli esperti della costruzione di strutture leggere sono riusciti a realizzare una scocca che pesa il 40% in meno rispetto alle vetture di serie odierne.

Un altro elemento fondamentale della carrozzeria è costituito dalle porte “ad armadio” che si aprono in senso opposto. Le porte anteriori e posteriori sono indipendenti tra loro. L’angolo di apertura su entrambi i lati della vettura è di 90° ed è stato possibile fare a meno dei montanti centrali.

La F 015 Luxury in Motion è stata concepita per ospitare un propulsore elettrico con celle a combustibile. Si basa sull’avveniristico Plug-In Hybrid F-Cell della vettura sperimentale F 125! del 2011 e all’energia elettrica prodotta a bordo affianca una batteria ad alto voltaggio. Per l’immagazzinamento dell’idrogeno viene utilizzato il concetto dei serbatoi a pressione in CFRP.

“La guida autonoma è una delle più grandi innovazioni dall’invenzione dell’automobile. Il guidatore non deve occuparsi degli aspetti poco piacevoli della guida e il tempo guadagnato a bordo acquista un valore completamente nuovo”, Thomas Weber, responsabile Divisione Ricerca del Gruppo e responsabile Sviluppo di Mercedes-Benz Cars.

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.