Quarto costruttore automobilistico mondiale, Renault-Nissan conferma il calendario di implementazione di veicoli autonomi e connessi entro il 2020. Il 2016 è l’anno dell’arrivo dei primi veicoli equipaggiati con il sistema di delega parziale di guida “mantenimento nella corsia”.

Nei prossimi quattro anni l’Alleanza Renault-Nissan lancerà oltre 10 veicoli dotati della tecnologia di guida autonoma. Il Gruppo automobilistico mondiale conferma infatti la commercializzazione di una gamma di veicoli a guida autonoma negli Stati Uniti, in Europa, Giappone e Cina entro il 2020.

“Centrare il duplice obiettivo ‘zero emissioni-zero incidenti mortali’ rappresenta un impegno fondamentale per l’Alleanza. È per questo motivo che stiamo sviluppando veicoli destinati al grande pubblico, equipaggiati con sistemi di guida autonoma e con prezzi accessibili”, Carlos Ghosn, presidente-direttore generale dell’Alleanza.

Il 2016 è l’anno dell’arrivo dei primi veicoli equipaggiati con il sistema di delega parziale di guida “mantenimento nella corsia”. Con questa funzionalità, l’auto controlla automaticamente la sua posizione in una corsia nel traffico autostradale. Nel 2018 i veicoli Renault-Nissan saranno equipaggiati con il sistema di delega parziale di guida per “cambio di corsia”, che assicura la gestione automatica degli eventuali pericoli e consentirà il cambio di corsia. Nel 2020 sarà lanciata infine la “modalità di gestione autonoma degli incroci”, che consentirà al veicolo di gestire i flussi di traffico in città senza l’intervento del conducente.

La guida autonoma, in ottica di sviluppo, non può che abbinarsi alla connettività. L’Allenza già quest’anno lancerà una nuova applicazione che consentirà di interagire a distanza con l’auto, seguita nel 2017 dal primo “Sistema Multimediale dell’Alleanza”, con nuove funzionalità multimediali e di navigazione che ottimizzerà l’integrazione con gli smartphone e consentirà l’aggiornamento dei dati cartografici in tempo reale. Nel 2018, la “piattaforma Connettività e Internet degli Oggetti dell’Alleanza” accoglierà il nuovo poi il “Personal Assistant Virtuale”.

NO COMMENTS

Leave a Reply