Nell’anno in cui celebra i 100 anni della nascita del fondatore Ferruccio, Lamborghini presenta al Salone di Ginevra la Lamborghini Centenario, una “one-off” prodotta solamente in 40 esemplari, 20 Coupé e 20 Roadster, ovviamente tutti già venduti al prezzo base di 1,75 milioni di euro (tasse escluse).

La Centenario continua la strategia Lamborghini che prevede la produzione di modelli one-off ed edizioni limitate esclusive, pensate per lasciare spazio all’esplorazione di nuove possibilità tecnologiche e di design. La prima è stata la Reventón, seguita dalla Sesto Elemento, dall’Aventador J e dalla Veneno, tutte oggetto di attrazione immediata. Non può che toccare la stessa sorte alla Lamborghini Centenario.

Dotata di motore V12 aspirato migliorato per generare una potenza di 770 cv con una limitazione di giri aumentata da 8.350 a 8.600 giri/min., quello della Centenario è il motore più potente mai costruito da Lamborghini.

La Centenario scatta così da 0 a 100 km/h in soli 2,8 secondi, da 0 a 300 km/h in 23,5 secondi e vanta una velocità massima che supera i 350 km/h. Lo spazio di frenata da 100 km/h all’arresto totale è di 30 metri, mentre la monoscocca e la carrozzeria totalmente in fibra di carbonio riducono il peso fino a 1.520 kg, con una rapporto peso/potenza di soli 1,97 kg/cv.

“La Centenario è una vettura che unisce perfettamente tradizione e innovazione. È proiettata verso il futuro pur rendendo omaggio al mito di Ferruccio Lamborghini. Non potevamo pensare ad un tributo migliore per il centenario della nascita di Ferruccio Lamborghini, un uomo che ha creato un marchio eccezionale, ha sempre creduto che nulla è impossibile e ha prodotto vetture mitiche e straordinarie”, Stephan Winkelmann, presidente e a.d. Lamborghini.

La trazione integrale permanente adotta il nuovo sistema Lamborghini di sterzata posteriore (a basse velocità, gli pneumatici posteriori ruotano nella direzione opposta rispetto all’angolo di sterzata, generando una riduzione virtuale del passo), e monta sospensioni magnetoreologiche e Lamborghini Dynamic Steering (LDS).

Per una base minima di oltre 1,5 milioni di euro gli interni non potevano che essere lussuosissimi, rifiniti in base alle richieste del cliente. I sedili sportivi sono realizzati in fibra di carbonio e le nuove cuciture si snodano lungo il cruscotto, il volante, le alette parasole e i nuovi pannelli porta interni, sempre in fibra di carbonio e Alcantara.

108492-423361

Uno schermo touschscreen da 10,1 pollici ad alta definizione con navigatore satellitare connette al mondo esterno. Si può navigare sul web e social media, oppure usare applicazioni online come le web radio. È incluso anche l’Apple CarPlay per permettere di effettuare chiamate, chiedere indicazioni, ascoltare musica e accedere al proprio iPhone.

Il sistema di infotainment include anche un sofisticato sistema di telemetria estremamente avanzato che permette di registrare le velocità, i tempi, la forza G e quella laterale e confrontarli con quelli registrati in altri momenti o da altri conducenti. Due telecamere interne disponibili come optional consentono di registrare la guida. E a dimostrazione dell’indole da pista, nel vano sotto al cofano anteriore la Centenario vanta lo spazio per due caschi.