Rappresentato il futuro dell’auto. Sono lo sguardo di designer e ingegneri sulla mobilità di domani. Si chiamano concept car e anche al Salone di Ginevra 2016 se ne sono visti di tutti i tipi e generi. Ecco allora i 10 migliori prototipi visti sulla passerella svizzera.

1. NISSAN IDS CONCEPT
Una concept car che fonde emissioni zero e guida autonoma, ovvero la visione Nissan dei veicoli del futuro. Pur trattandosi di una berlina, Nissan IDS Concept presenta un passo lungo, per ospitare comodamente a bordo quattro persone. L’abitacolo diventa ancora più spazioso quando si seleziona il pilota automatico: lo sterzo indietreggia verso il centro del quadro strumenti, mentre appare un ampio schermo piatto. Gli interni sono illuminati da una luce soft e tutt’e quattro i sedili ruotano verso il centro dell’abitacolo, per facilitare la conversazione e ricreare l’ambiente di un soggiorno.

Il passaggio dalla guida manuale a quella automatica avviene attraverso il pulsante PD (Piloted Drive) Commander, l’unico comando che il guidatore deve azionare quando vuole riprendere il controllo del veicolo. Anche quando il conducente inserirà il sistema di guida automatica, comunque, le prestazioni della vettura (accelerare e frenare, fino anche al modo di approcciare le curve) imiteranno lo stile di guida personale del proprietario. Nissan IDS Concept ha una batteria da 60 kWh e grazie anche al suo design e al peso ridotto sarà in grado di coprire lunghe distanze.

2. OPEL GT CONCEPT, LA SPORTIVA DEL FUTURO.

3. CITROEN E-MEHARI STYLED BY COURREGES
Quasi 50 anni dopo il lancio di Méhari del maggio 1968, due leggendari Marchi francesi si incontrano di nuovo per un progetto comune: Citroen ha proposto a Courrèges di rivisitare E-MEHARI per farne un oggetto esclusivo e luminoso, alimentato da un’innovativa batteria LMP (Lythium Metal Polymer). Il concept E-MEHARI styled by Courrèges nasce così da un gioco di colori e materiali sviluppati attorno all’idea di bianco.

4. PININFARINA H2SPEED, L’AUTO DA PISTA A IDROGENO.

5. DS E-TENSE
Una vettura unica che abbina l’abilità artigianale degna delle grandi maison del lusso francese all’aspetto hi-tech. Questa creazione avveniristica, che rispecchia la visione tecnologica e stilistica DS, apre la strada al futuro con una performante catena di trazione elettrica. 516 Nm e silenziosità, 402 cv e assenza di gas a effetto serra, 4,72 metri di lunghezza e 1,29 m di altezza, l’ultima creazione di DS è stata presentata in anteprima mondiale al Salone di Ginevra 2016.

6. ALPINE VISION.

7. TECHRULES TREV
Non si tratta di un vero prototipo, ma di una nuova tecnologia. Techrules ha infatti sviluppato il sistema TREV (Turbine-Recharging Electric Vehicle), una tecnologia brevettata di propulsione ibrida seriale che prevede l’utilizzo di un generatore a turbina. Il concetto unisce le consolidate esperienze preesistenti di tecnologie aeronautiche e propulsione elettrica con diverse innovazioni tecniche esclusive. Il risultato è un livello mai raggiunto prima di efficienza e prestazioni unito a un bassissimo impatto ambientale.

Techrules ha mostrato la sua straordinaria tecnologia al Salone di Ginevra 2016 applicata a una concept car plug-in ibrida ad autonomia estesa TREV, il primo passo verso la produzione della prima supercar cinese. Un’auto di test ha effettuato le prime prove a febbraio, a Silverstone. Con una potenza di punta di 1.044 cv, le stime iniziali indicano prestazioni straordinarie: 0-100 km/h in 2,5 secondi, velocità massima autolimitata a 350 km/h e un’autonomia eccezionale di oltre 2.000 km.

Techrules prevede di avviare la produzione in serie della tecnologia TREV entro un paio di anni con una supercar in piccola serie progettata internamente. A seguire, inizierà la produzione di utilitarie in numeri più consistenti.

8. MITSUBISHI EX CONCEPT.

9. VOLKSWAGEN T-CROSS BREEZE
Al Salone di Ginevra Volkswagen ha presentato in anteprima mondiale la T-Cross Breeze, il concept di un crossover scoperto che sembra dimostrare che la Evoque Cabrio ha centrato nel segno. Il T-Cross Breeze è ancora un prototipo, ma potremmo quindi immaginarci il lancio di una decapottabile di questo tipo sul mercato.

T-Cross Breeze sceglie la potenza del motore turbo, un motore benzina a iniezione diretta sovralimentato da un litro di cilindrata, con sistema start/stop e recupero dell’energia, da 110 cv e 175 Nm di coppia. Con i suoi 4.133 mm, il T-Cross Breeze è leggermente più lungo della Polo Cross, mentre è largo 1.798 mm (specchietti esclusi), un valore decisamente più alto rispetto alle vetture della classe della Polo. A capote chiusa, l’altezza complessiva è di 1.563 mm.

10. SKODA VISION “S”.