L’elettrificazione dell’auto è uno dei temi principali del mondo a quattro ruote. L’ultimo rapporto Global Compact dell’Onu, ovvero la più importante iniziativa mondiale per spronare brand e aziende ad adottare politiche sostenibili, mette in evidenza le iniziative particolarmente innovative intraprese da 10 dirigenti di grandi aziende, fra i quali figura anche il presidente e CEO di Volvo, Hakan Samuelsson.

Il Global Compact, inoltre, ha riconosciuto l’appartenenza di Volvo al “Lead”, un gruppo che riunisce le aziende più impegnate, attive e ambiziose all’interno del Global Compact, e che vede solo due brand automobilistici farne parte. Nel rapporto “Soluzioni aziendali allo sviluppo sostenibile”, Samuelsson illustra la logica aziendale di Volvo, su cui si basa la strategia di elettrificazione annunciata lo scorso luglio.

“Ci stiamo muovendo in questa direzione perché riteniamo che sia la cosa giusta da fare per il futuro di Volvo e che consoliderà ulteriormente la nostra posizione. Una valida strategia commerciale”.

Con questo annuncio, Volvo è la prima Casa automobilistica a sottoscrivere pienamente l’elettrificazione: a partire dal 2019, infatti, ogni nuovo modello svedese potrà contare su una variante elettrica, segnando di fatto la fine delle auto dotate solo di motore endotermico. Nell’ambito di questa strategia, Volvo ha previsto il lancio di cinque modelli 100% elettrici fra il 2019 e il 2021. Tre di questi modelli saranno a marchio Volvo, gli altri due ad alte prestazioni a marchio Polestar.