La Coppa Etna e i suoi piloti – 1925 -1928

La Coppa Etna e i suoi piloti – 1925 -1928

Autore Rino Rao
Formato 21×29,7 cm
Pagine 224 + copertina (carta patinata)
Foto a colori
Prezzo 22 euro
Editore Asi Service srl
——————————————————————————–
Rino Rao catanese doc, appassionato cultore d’automobilismo storico, ci svela nel suo volume ” La Coppa Etna ed i suoi piloti ” la breve ma intensa storia di una dura competizione che negli anni venti si affermò come un evento di caratura nazionale. La Coppa Etna, organizzata dall’AC di Catania, si inseriva nel cerchio magico della “Primavera Siciliana” un ricco cartello di manifestazioni sportive,turistiche e mondane patrocinato da Vincenzo Florio.
La primavera motoristica siciliana si apriva con la Targa Florio, per proseguire con la Coppa Etna, la Coppa Nissena, la Coppa Vinci a Messina e finire con la Coppa Città di Siracusa.  Una vera sagra del motorismo che aveva nella corsa etnea ,dotata di un ricco monte premi, l’ideale trait-d’union con l’evento madonita. 
La corsa catanese non poteva che svolgersi nel territorio dell’Etna, sfiorandone  le pendici, dopo avere attraversato la monumentale “Porta Ferdinandea”, per fare ritorno sulla zona del traguardo alla fine di un anello di 35 km da ripetere 10 volte.
Una folla entusiasta ( 25-30.000 spettatori ) assisteva all’evento dalle tribune, dagli steccati, dai balconi e dai tetti delle case  dei centri attraversati o dai bordi dell’affascinante e impegnativo circuito.
Ai nastri di partenza delle tre gloriose edizioni, che si svolsero dal ’25 al ’28, si schierò un nutrito gruppo di  affermati piloti fra i quali spiccavano oltre a Nuvolari e Varzi , Aymini, Balestrero, Borzacchini, De Sterlich, Magistri, Aymo Maggi (uno dei tre creatori della Mille Miglia) al volante di potenti Alfa Romeo, Bugatti, Ceirano, Delage, Diatto, Maserati, OM e Salmson.
E’ va anche notato come questo libro contenga  nelle sue note una miniera di informazioni e di aneddoti su molti personaggi che hanno vissuto da protagonisti sullo scenario del motorismo sportivo a cavallo delle due guerre, riproponendosi sino agli anni ’50.
Il volume, prendendo spunto dall’ attenta ricostruzione delle tre edizioni, ci riporta a rivivere l’ambiente sociale che faceva da sfondo a questa “golden age” del motorismo  sportivo siciliano. Dei tre vincitori Magistri, Maggi e Borzacchini, l’autore  traccia un interessante profilo, proponendo anche un inedito confronto tra quest’ultimo e Nuvolari e Varzi.
Inoltre, una galleria dei principali protagonisti, delineati sotto il profilo umano, chiude una stimolante narrazione ricca di una preziosa  e originale iconografia.
 Rino Rao, catanese, classe 39, fin da piccolo ammaliato dalle automobili maturò la sua passione per l’automobilismo sportivo, passione  che non lo avrebbe più abbandonato e che in gioventù lo avrebbe portato sui campi di gara.
Socio dell’Asi sin dal 1983 Rao è stato per lunghi anni presidente del Club  “CT1 Veicoli Storici”. Dopo  40 anni di intensa attività lavorativa, ha potuto coltivare a tempo pieno la sua passione per l’automobilismo storico.  E’ nata così questa sua prima opera nella quale egli ha profuso tutte le sue conoscenze e il risultato di intense ricerche, per offrire al lettore una vivida rappresentazione della “Coppa Etna” e dei suoi protagonisti sullo sfondo dei costumi e dei riti di un ambiente allora permeato dalle regole del “bon ton”. (ore 17:50)

NO COMMENTS

Leave a Reply