Milano – È in edicola il libro di 128 pagine “Ciao Sic” che La Gazzetta dello Sport dedica a Marco Simoncelli. I ricavi al netto dei costi saranno devoluti in beneficenza alla costituenda Fondazione intitolata a Marco Simoncelli assecondando una scelta dei genitori del grande motociclista. Il libro, da oggi in edicola in tutta Italia, ripercorre l’intera vita di Marco Simoncelli grazie alle numerose testimonianze scritte appositamente per questo volume dai giornalisti della Rosea che lo hanno seguito in tutti questi anni.
Apre il volume l’introduzione dal titolo “Perché Marco è ancora qui con noi” del vicedirettore de La Gazzetta dello Sport Umberto Zapelloni seguita dall’editoriale di Filippo Falsaperla sull’incredibile capacità di Simoncelli di stabilire rapporti di amicizia anche in campo lavorativo e dalla testimonianza di Carlo Canzano che ricorda la famiglia del motociclista e come la casa di Simoncelli fosse per il campione e per tutti quelli che avevano la fortuna di passarci “il più bel posto del pianeta”.
E ancora i pezzi sugli inizi del Sic, a partire dalla prima moto da cross a quattro anni, al periodo in Gilera e poi nel MotoMondiale, ricordando anche l’aspetto più privato di Marco fuori dai gran premi nei momenti con la famiglia e nei rapporti di amicizia, primo tra tutti quello con Valentino Rossi.
Chiudono il libro la riproduzione delle pagine a lui dedicate da La Gazzetta dello Sport e Sportweek nel corso degli anni, insieme agli articoli usciti all’indomani della tragedia di Sepang, e a un capitolo più tecnico dedicato ai “numeri”, dai podi ai record da campione, di Simoncelli.
La vitalità e il carattere del campione, oltre che nei numerosi testi viene evocata in una ricca sezione fotografica.
La campagna stampa di lancio dell’iniziativa e il progetto grafico del volume sono stati realizzati da Graffiti Media Factory Srl di Federico Fiecconi. (ore 13:23)