Torino – “Due Ruote sotto la Mole” è questo il titolo del  libro di Franco Daudo e Mauro Garino che in  una nuova edizione, è stato presentato dall’Asi al recente Automotoretrò di  Torino. La nuova versione, riveduta, corretta e ampliata, analizza la nascita, l’affermazione e l’oblio delle decine di Case torinesi che si sono affacciate a vari livelli sul panorama motoristico nazionale e anche internazionale. Si tratta di un’opera preziosa per gli appassionati e per coloro che vogliono esplorare un aspetto poco noto della storia industriale torinese.
Nelle 272 pagine del volume, si alternano oltre 500 immagini d’epoca e moderne, che raffigurano i più significativi esemplari restaurati da noti  collezionisti delle moto torinesi, talune delle quale divenute oggetti molto raffinati per intenditori.
“Due Ruote sotto la Mole” inserisce  la  storia del motociclismo, nella storia stessa della città, facendo meglio comprendere il contesto socio-economico  nel quale operavano questi geniali tecnici/artigiani. Ma l’opera offre anche altri aspetti che si affiancano e costituiscono parte integrante  del racconto.  A Torino infatti è nata una delle più antiche corse in salita italiane, la Sassi-Superga. Di questa gara, disputata con solo qualche interruzione dal 1903 fino agli anni Ottanta, sono citati i protagonisti e le classifiche, con un’ampia serie di rare immagini.
Un capitolo è dedicato ai piloti che hanno portato il nome di Torino e del Piemonte in giro per il mondo, partendo da Biagio Nazzaro, passando da Ernesto Merlo, campione italiano di sidecar e finendo con Roberto Rolfo, ancora oggi in gara ai massimi livelli.
Ci sono anche due capitoli dedicati al fuoristrada, specialità nella quale Torino e il Piemonte hanno fin dalle origini recitato un ruolo primario. Per il motocross c’è un bel ricordo del periodo del “Sangone”, un campo permanente sul quale si sono misurati tutti i più grandi campioni dell’epoca pionieristica.
Per il trial entra in gioco l’asse Torino-Pinerolo, tra i cui confini si sono disputate le prime gare italiane di questa specialità, importata dall’Inghilterra. Anche per i motocrossisti e i trialisti c’è un capitolo che ne raccoglie i nomi più illustri.  L’opera si chiude con un elenco delle Case, completo di periodo d’ esistenza e indirizzo, compilato in base alla letteratura esistente e a informazioni raccolte dagli autori, che riassume, anche in modo quantitativo, l’ampiezza del fenomeno.
Il volume viene ad arricchire la ormai consistente biblioteca Asi che conta, anche in ambito motociclistico, su un ampia offerta di titoli che riportano all’attenzione del pubblico storie di uomini geniali e a volte poco noti che hanno fatto la storia. (ore 10:56)
———————————–
“Due ruote sotto la Mole”
Editore Asi Service
Libreria Automotoclub Storico Italiano
Formato cm. 24,5 x 24,5
Copertina a quattro colori patinata lucida
272 pagine a 4 colori su patinata lucida 150 gr
Confezione cartonato da 3 mm con dorso tondo e capitelli
Prezzo 25 euro