Autore: De Tullio Maurizio
“Ralph de Palma. Storia dell’uomo più veloce del mondo che veniva da Foggia”
Prezzo: 12.00 euro; Pagg. 128
Editore: Agorà Servizi Editoriali

Sarà lo stesso scenario che ha visto nascere il campione di automobilismo Raffaele De Palma ad ospitare, il 15 agosto, alla presenza delle autorità di Biccari, dell’autore e dell’editore Angelo Renzulli, la presentazione della sua biografia la prima in italiano, scritta ed elaborata da Maurizio De Tullio. L’autore confessa di aver incrociato casualmente la storia del pilota che vinse tutto nei primi decenni del 900, e di essere rimasto affascinato dagli eventi che hanno riempito la sua vita. Raffaele De Palma nasce a Biccari, e non a Troia come risulta da molte biografie americane, nel 1882. Dieci anni più tardi, quando le automobili scorrazzavano solo nelle menti degli ingegneri più all’avanguardia, si trasferì negli Stati Uniti, dove diverrà “Ralph”, inconsapevole dei successi che quel paese gli avrebbe regalato. “L’obiettivo che ha spinto le mie ricerche, durate in tutto un paio di anni, e la conseguente stesura della biografia – dichiara l’autore – è sempre stato quello di risvegliare la memoria storica foggiana troppo legata alle gesta calcistiche, per altro ultimamente infangate dalla furbizia di alcuni, e quello di far conoscere loro il più illustre uomo di sport della Capitanata, che al contrario, della furbizia si avvaleva esclusivamente per sconfiggere gli avversari; oltre al desiderio di restituire una meritata dignità storico-sportiva ad un campione della nostra provincia di cui pochi conoscono le origini e la fama di eroe nazionale che si conquistò tra i milioni di immigrati in America e nel mondo”. La passione con il quale l’autore ha lavorato, si legge oltre che nelle righe che affollano le pagine del volume, anche nei toni e nella fame che ha di raccontare finanche i più piccoli aneddoti della vita di De Palma, di cui è orgogliosamente e legittimamente il primo biografo italiano. “Anche se mi sono imbattuto fortuitamente nella vita di questo campione, la voglia di sapere tutto di lui e poterlo raccontare è nata immediatamente. Spero – prosegue De Tullio – che queste 130 pagine, dal taglio tutt’altro che tecnico, e che vengono pubblicate in occasione del 50º anniversario della sua morte, siano degne della sua leggendaria carriera costruita sul coraggio, l’applicazione, e, perché no, su un po’ di fortuna, essendo all’epoca difficile arrivare incolumi a fine carriera”. La presentazione del libro, arricchito tra l’altro dalla prefazione dell’ex campione di Formula 1, Andrea De Adamich e dall’introduzione di Geppe Inserra, verrà replicata in settembre a Troia, luogo di nascita dei genitori del campione, e a Foggia.