Milano – Un salotto su quattro ruote. Una vettura bella, di classe e all’occorrenza performante. Il massimo dell’artigianalità e dello stile Bmw uniti in un’ammiraglia di lusso e hi-tech che si prende tranquillamente un posto di assoluto prestigio nella sua categoria.

Certo, non un’auto per tutti i giorni, quanto una vettura di rappresentanza con tanto di autista che ti scarrozza da una riunione all’altra. E in quanto tale, vero e proprio salto nel progresso e nel futuro. Perché la nuova Bmw Serie 7 è un concentrato di tecnologia. Ci vuole poco a capirlo, basta prendere in mano le chiavi. Chiavi… più che altro un mini-touchscreen con il quale comandare a distanza la Serie 7 impartendo ordini come il pre-riscaldamento dell’abitacolo oppure il parcheggio telecomandato, un’anteprima mondiale.

nuova bmw serie 7

Purtroppo il modello oggetto del nostro long test, la 730d con trazione integrale xDrive, non era dotato di questa funzione, ma aveva il sistema di guida semi-autonoma! Un pulsante sul tunnel centrale lo attiva, si imposta la velocità desiderata e la Serie 7 guida da sola.

UN ASSAGGIO DI GUIDA AUTONOMA
Accelerazione, frenata e piccoli accorgimenti dello sterzo vengono tutti comandi dall’auto, che si muove nel traffico lasciando chi sta alla guida con quel mezzo sorriso ebete dettato dalla consapevolezza di vivere in prima persona un cambiamento epocale della mobilità su quattro ruote. Ancora è necessario un po’ di tempo prima che il cambiamento avvenga, ma il long test della nuova Serie 7 ha dimostrato quanto Bmw sia già oggi pronta ad offrire questa tecnologia.

Una tecnologia che al momento Bmw ha voluto solo di “assistenza” (e non sostituzione) del guidatore. La nuova Serie 7, infatti, guida autonomamente ma richiede sempre il contatto delle mani sul volante, ricordandolo al guidatore attraverso un segnale sonoro e una spia sul cruscotto totalmente digitale. Per parecchi metri, comunque, appare in grado di seguire il traffico senza alcun contatto delle mani sul voltante, come potete vedere in questo video.

PERFORMANTE QUANDO SERVE
La 730d può contare su 262 cv di potenza e sull’impeccabile trazione xDrive. Perché lasciare allora all’auto l’autonomia di guida quando si è dotati di cotanta cavalleria? Inserita la modalità Sport la nuova Serie 7 diventa veramente rabbiosa. Pedale dell’acceleratore, sterzo, tempi di cambiata e sospensioni vengono tutti orientati in ottica prettamente sportiva, e complici telaio e architettura leggera non sembra più d’essere a bordo di un’ammiraglia lunga più di 5 metri e larga 2.

VETTURA DI GRAN CLASSE
Più che sul sedile del guidatore, però, sulla nuova Bmw Serie 7 conviene accomodarsi sui sedili posteriori e godersi la lounge-room viaggiante. Non è una limousine ma poco ci manca (c’è anche la versione a passo lungo con ulteriori 12 cm di lunghezza), perché tra la comodità della seduta, la qualità dei materiali, doppio display e tablet incorporato c’è solo da godersi il viaggio in business class. L’allestimento che abbiamo provato parla da sé: Eccelsa.

Long Test serie 7

Per utilizzare il display c’è un semplicissimo telecomando grazie al quale si accede a tutto l’infotainment della vettura e si possono controllare per esempio le notizie dell’Ansa, i punti di interesse nelle vicinanze con tanto di informazioni utili, modificare la temperatura a bordo o cambiare stazione radio e alzare/abbassare il volume. Se volete semplicemente rilassarvi e non far nulla, basta approfittare della funzione massaggi (disponibile anche per i sedili anteriori).

Il tablet, invece, duplica alcune delle funzioni gestibili con il display, ma grazie al wi-fi integrato a bordo se ne può sfruttare tutto il potenziale su internet e si possono collegare più dispositivi. Ad internet possono accedere anche i passeggeri anteriori attraverso il display centrale da 12 pollici. Per digitare un indirizzo si può usare la rotellina del selettore o scriverci sopra grazie alla sua superficie sensibile alla scrittura.

Se siete particolarmente pigri oppure vi piace cambiare le vostre abitudini, ricordatevi che sull’ammiraglia Bmw tutto è possibile. Il display centrale, infatti, oltre ad essere anche touch è comandabile con semplici gesti della mano. Ad esempio, per cambiare schermata basta fare un gesto a mimare lo scorrimento manco fosse il momento della “spazzolatura” in Minority Report.

Questi sono solo alcuni degli highlight innovativi nel campo dei comandi e dell’assistenza del guidatore. Per citarne altri troviamo il nuovo Head-Up-Display, l’avvertimento di traffico trasversale, la protezione attiva contro le collisioni laterali e Surround View con visualizzazione in 3D per parcheggiare con una facilità imbarazzante nonostante la mole della vettura.

IL PREZZO DEL LUSSO
Una tale meraviglia richiede uno sforzo economico non indifferente. Il nostro long test drive lo abbiamo fatto con una 730d xDrive Eccelsa che parte a listino da 107.400 euro, ma che con tutti gli optional a bordo arriva più o meno a 150.000 euro. Il potente impianto audio Bower & Wilkins, ad esempio, è un plus che da solo vale 5.000 euro.