La presenza di Magneti Marelli nel più grande mercato automotive del mondo si allarga ulteriormente con un nuovo insediamento produttivo per i sistemi di illuminazione a Xiaogan e una struttura più grande e completamente rinnovata a Guangzhou per i sistemi elettronici.

Magneti Marelli stabilimento Cina

Magneti Marelli ha avviato una nuova e importante fase di sviluppo in Cina, inaugurando due nuovi insediamenti produttivi nelle aree dell’illuminazione e dei sistemi elettronici per auto. Il marchio italiano si è insediato in due regioni importanti per lo scenario automotive cinese, Xiaogan e Guangzhou, grazie ad un investimento complessivo di circa 36 milioni di euro.

XIAOGAN PER I SISTEMI DI ILLUMINAZIONE
A Xiaogan (provincia di Hubei) lo stabilimento produttivo è frutto della partnership con China South Industries Group Corporation (Csi), uno dei maggiori gruppi industriali cinesi con un fatturato annuo di oltre 55 miliardi di euro e con un vasto perimetro di attività che vanno dalle auto alle moto, dalla difesa all’energia e che include anche China Changan Automotive Group (CCAG), partner strategico di alcune fra le più importanti joint venture nel mercato automotive cinese: Ford, Mazda, Suzuki, PSA, Mitsubishi, oltre che quarto produttore cinese.

Nel dettaglio, la superficie dell’insediamento industriale di Xiaogan è di oltre 44.000 metri quadrati, dei quali 28.000 coperti. All’interno del plant è stato realizzato un centro di “R&D” (circa 4.000 metri quadrati) altamente strutturato, con l’obiettivo di lavorare a stretto contatto con i carmaker presenti nell’area. Grazie alla partnership con Csi aumenta in maniera strategica anche la capacità di Magneti Marelli Automotive Lighting di progettare e sviluppare localmente prodotti hi-tech seguendo le esigenze del mercato cinese.

“Con questi due nuovi insediamenti allarghiamo ulteriormente la nostra presenza in Cina, mercato che per noi diventa ogni anno più importante”, Eugenio Razelli, a.d. Magneti Marelli.

GUANGZHOU PER I SISTEMI ELETTRONICI
Il plant di Magneti Marelli dedicato ai sistemi elettronici a Guangzhou, provincia di Guangdong, ha richiesto un investimento totale di 22 milioni di euro. Quello di Guangzhou è stato il primo insediamento di Magneti Marelli in Cina nel 1996 e il primo prodotto uscito dallo stabilimento è stato il quadro strumenti per la Peugeot 505. Oggi sono invece presenti ben quattro linee di business: quadri di bordo, elettronica per il powertrain, elettronica per l’illuminazione e le centraline “body”, infotainment e telematica.

Lo stabilimento è strategicamente situato nelle immediate vicinanze dell’aeroporto di Guangzhou e vicino agli stabilimenti del settore automobilistico e del comparto dell’elettronica del distretto di Huadu.

Interessante la superficie totale dell’insediamento industriale di ben 50.000 metri quadrati, dei quali 41.000 metri quadrati al coperto, con un centro di Ricerca e Sviluppo di 3.500 metri quadrati. Attualmente lavorano all’interno 650 persone, numero che dovrebbe quasi raddoppiare nell’arco dei prossimi cinque anni. La capacità produttiva attuale è di 3,5 milioni di moduli elettronici l’anno che arriveranno a 10 milioni nel 2019.

L’importante ampliamento del plant è stato reso necessario dalla progressiva crescita del mercato dell’auto cinese con una conseguente esigenza di ampliare il portafoglio prodotti, aumentando al contempo la capacità di ricerca, sviluppo e progettazione con l’obiettivo di accrescere il tasso di competitività del brand italiano.

NO COMMENTS

Leave a Reply