Il brand indiano Mahindra continua la fase di crescita sui mercati globali con l’inaugurazione del nuovo quartier generale in Nord America a Auburn Hills, nell’area metropolitana di Detroit – lì dove ha la sede storica Chrysler (ora Fca) – unitamente al nuovo impianto di produzione dove costruirà un modello inedito. Un’operazione molto importante per aumentare (in maniera esponenziale) la propria presenza sul mercato americano.

Lo stabilimento Mahindra è il primo impianto di produzione Original Equipment Manufacturer ad essere aperto da un costruttore automobilistico nel sud-est del Michigan da 25 anni a questa parte. Una manovra da 230 milioni di dollari, che include anche la recente apertura di un magazzino logistico a Pontiac e si aggiunge al pre-esistente impianto di engineering a Troy. Gli investimenti hanno già creato nuovi posti di lavoro: triplicato il numero di personale, portato a 250 unità, e i piani futuri prevedono altri 400 dipendenti entro il 2020, con un investimento aggiuntivo di 600 milioni di dollari.

Il nuovo stabilimento andrà a produrre un nuovo veicolo, completamente diverso da quelli già presenti sul mercato, che rafforzerà il posizionamento di Mahindra nel segmento dei Suv e che sarà progettato e disegnato interamente in Nord America. La nuova fabbrica, inoltre, darà supporto ingegneristico per sviluppare una nuova piattaforma da usare nel mercato worldwide.

Di recente, Mahindra è stata scelta dal servizio postale statunitense assieme ad altri quattro produttori automobilistici per sviluppare prototipi di nuovi veicoli ecologici per il servizio di consegna. Per testare la propria tecnologia elettrica, il brand indiano si sta facendo le ossa in Formula E, la cui nuova stagione è appena iniziata ad Hong Kong. Presente fin dalla prima edizione nel 2014, Mahindra ha chiuso la passata edizione al 3° posto nella classifica Costruttori e in quella Piloti (con lo svedese Felix Rosenqvist).

Realtà già molto importante a livello globale, Mahindra è probabilmente ancora da scoprire in Europa. Operativa anche nei settori nautico, aeronautico, dei mezzi agricoli, dell’innovation technology e degli investimenti immobiliari, è leader in India nella produzione di Suv, ha più di 70 anni di storia e oggi detiene il pacchetto di maggioranza di Pininfarina, SsangYong e Peugeot Scooters. Nel 2016 ha acquisito i marchi motociclistici BSA e Jawa.