Marchionne e Montezemolo, ma che bella sceneggiata!

montezemolo_marchionne

Sorrisi, complimenti, pacche sulle spalle, riconoscimenti ufficiali di meriti e 27 milioni di euro di buonuscita. Il nemico alle porte. Il titolo della sceneggiata al Museo Ferrari, attori sulla scena Sergio Marchionne e Luca Montezemolo. Chi si aspettava una conferenza stampa infuocata è stato deluso dal comportamento dai due amici-nemici. Un po’ come Hamilton-Rosberg. Ci siamo chiariti e poi tornati in pista pronti l’uno e l’altra a fare lo sgambetto al rivale.

In FCA non era in palio il titolo iridato piloti. Era in palio il dominio assoluto al vertice dell’azienda e in un certo senso Montezemolo che è uno della famiglia rappresentava un elemento scomodo. La lotta di potere si è consumata nelle segrete stanze di Maranello, martedì. I comunicati stampa a sorpresa e la conferenza stampa sono stati le conseguenze ufficiali da dare in pasto ai media. Per chi ci ha creduto.

Marchionne e Montezemolo si sono smentiti a vicenda su ogni argomento ma si sono guardati bene di trasbordare al protocollo del fair play. Anche nel botta e risposta con i giornalisti soprattutto Marchionne è stato deciso e telegrafico nelle risposte.

Marchionne ora si confronterà col passato Montezemolo che nel bene o nel male a Maranello ha portato in 23 anni una strafogata di titoli piloti e costruttori. Non si vinceva da sei anni e tanto è bastato per chiedergli di andare via. Non lo farà gratis, la sua sofferenza di dovere lasciare dopo 23 anni di presidenza è stata quantificata in 27 milioni di euro!

Sotto certo aspetti in Ferrari è stata fatta giustizia. Ma non era questo l’intento di Marchionne. E’ stato giubilato l’ingegnere Aldo Costa che è stato subito preso a Stoccarda dove ha creato l’invincibile Mercedes. E’ stato costretto alle dimissioni Stefano Domenicali che era solo il team principal e che con una macchina nata male e sviluppata peggio con un motore da Fiat piuttosto che da Ferrari non c’entrava affatto. Marchionne ha dimissionato Montezemolo. Grazie, prego, si accomodi. Si ricomincia da Marchionne che guarda nella bacheca gli 6 titoli piloti e gli 8 costruttori collezionati da Montezemolo.

La realtà è stata quella mostrata o quella che è stata “letta” nella gestualità, nei sottintesi, nei sorrisi oltre misura? Forse ho scritto anch’io cazzate come tutti gli altri colleghi ai quali Marchionne e Montezemolo hanno dedicato un siparietto a parte.

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.