“Best in Show” il fascino della Maserati A6 GCS. La Lamborghini Miura P 400 SV è stata premiata con il Trofeo Bmw Group Italia assegnato per referendum pubblico. Non sono mancati gli omaggi di Bmw al suo passato con due prototipi mozzafiato.

Assegnato a conclusione della manifestazione che lascia ammirare ogni anno meravigliosi “oggetti” del passato, il Trofeo Bmw Group “Best in Show” ha premiato il fascino della Maserati A6 GCS, una vera e propria auto da competizione al tempo stesso icona di stile, il cui design nacque dall’estro di Aldo Brovarone nel 1952 per il marchio Cisitalia, ma dopo il fallimento di quest’ultima portato in dote a Battista “Pinin” Farina che lo aveva scelto per la Maserati.

La Lamborghini Miura P 400 SV è stata premiata con il Trofeo BMW Group Italia del Concorso d’Eleganza di Villa d’Este assegnato per referendum pubblico. In occasione del 50° anniversario della Miura, la P 400 SV non è passata inosservata e ha saputo conquistare le preferenze dei numerosi appassionati.

Il Design Award for Concept Cars & Prototypes, assegnato sempre per referendum pubblico, è stato vinto dalla Alfa Romeo Disco Volante by Touring. Realizzata per i 90 anni dell’azienda con il supporto tecnico di Alfa Romeo, la Disco Volante Spyder è la prima “aperta” della storia recente della Touring ed è stata sviluppata sul telaio della 8C Competizione Spider.

La Grindlay-Peerless 100 ha ricevuto il Trofeo BMW Group dedicato alle motociclette storiche (il Primo Premio assegnato dalla Giuria, Best of Show del Concorso d’Eleganza).

Premiata con la Coppa d’Oro la Lancia Astura Serie II (il Primo Premio assegnato per referendum pubblico a Villa d’Este). Nell’agosto del 1935 la vettura prese il via alla 24 Ore di Pescara e solo cinque settimane più tardi si presentò al Concorso d’Eleganza di Villa d’Este.

GUARDA TUTTI I PREMI ASSEGNATI AL CONCORSO D’ELEGANZA VILLA D’ESTE 2016.

GLI OMAGGI BMW ALLA SUA STORIA
Per l’appuntamento di quest’anno del Concorso d’Eleganza Villa d’Este, il Bmw Group ha creato una vettura e una moto davvero speciali, per rendere onore a due dei modelli più importanti della sua storia.

Il primo è la Bmw 2002 Hommage, un omaggio attraverso un moderno studio di design alla 2002 turbo, il cui modello top di gamma, spiega Adrian van Hooydonk, responsabile Bmw Group Design, “fu la prima vettura di serie in tutta Europa a essere equipaggiata con la tecnologia turbo, così da fare del modello Coupé una vera automobile sportiva”.

La Bmw R 5 Hommage, invece, interpreta l’essenza del motociclismo in chiave moderna, sposando il mondo del design motociclistico storico con il mondo moderno delle moto custom. È un omaggio alla “80enne” Bmw R 5, ispirata alla versione da corsa prodotta in fabbrica del 1935, straordinaria moto da corsa di fine Anni Trenta con il suo innovativo telaio leggero.

Edgar Heinrich, head of design Bmw Motorrad, la definisce “una delle moto più attraenti della storia di Bmw”.

Il cuore della Bmw R 5 resta nelle proporzioni minimaliste della moto commemorativa. La specificità tecnica del motore è costituita dal compressore che sulla R 5 Hommage incrementa a 26 cv la potenza del motore 500 cc originale, aggiornandola a livelli attuali.

NO COMMENTS

Leave a Reply