Mercato auto. A luglio un’altra spinta in avanti: +14,5%

Secondo le previsioni il 2015 potrebbe chiudere 1.500.000 immatricolazioni. Un dato positivo se riferito a quelli degli ultimi anni, ma ancora molto lontano dai livelli ante-crisi.

150223_Fiat_Panda-K-Way_01

A luglio le immatricolazioni di autovetture hanno toccato quota 131.489, con un incremento del 14,5% sullo stesso mese del 2014. Buono anche il consuntivo dei primi sette mesi dell’anno che, con 1.005.409 auto immatricolate, mettono a segno un incremento del 15,2%.

“Se il tasso di crescita della prima parte dell’anno si mantenesse anche nei prossimi mesi, il 2015 potrebbe chiudere a quota 1.565.000. Sarebbe un risultato decisamente migliore di quello degli ultimi anni, ma ancora molto lontano dagli standard ante-crisi”, Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor.

Come è noto, diverse organizzazioni del settore automotive hanno richiesto interventi dello Stato per sostenere la domanda di auto, ma a tutt’oggi non si registra nessuna apertura da parte del Governo, ma appare evidente come sia necessario mettere le famiglie e le imprese in condizione di accelerare il rinnovamento del parco.

Sebbene da 14 mesi continui il trend positivo del mercato dell’auto in Italia e nonostante il 7° incremento positivo a doppia cifra, abbiamo dovuto attendere luglio per raggiungere il milione di vetture immatricolate.

“Siamo di fronte ad una ripresa lenta e su valori ancora molto bassi per il potenziale del mercato italiano, con una sostituzione tuttora ritardata del parco anziano, vero nodo da sciogliere per una crescita concreta”, Massimo Nordio, presidente Unrae.

Riguardo al mercato per segmenti, si nota che il 24,6% degli acquirenti ha acquistato un modello Suv, facendo crescere le vendite di questo segmento del 28% nel mese e del 39% nel cumulato da inizio anno. Crescono anche le vendite di auto dei segmenti A e B che, complessivamente, pesano sul totale immatricolato nel mese per il 46%. Fiat Panda è il modello più venduto in assoluto in Italia nei primi sette mesi del 2015, con un incremento delle vendite del 19,4%. Prosegue anche il successo di Lancia Ypsilon che, con circa 36.200 nuove immatricolazioni a gennaio-luglio 2015, vende il 15,4% in più rispetto a un anno fa.

Le marche nazionali, nel complesso, totalizzano nel mese 37.495 immatricolazioni (+19,2%) e portano la propria quota di mercato dal 27,4% di un anno fa al 28,5%. I marchi di Fca (escludendo Ferrari e Maserati) totalizzano nel complesso 37.247 immatricolazioni nel mese (+19,3%), con un andamento positivo per tutti i brand: Fiat +15,3%, Alfa Romeo +4,7%, Lancia/Chrysler +13,8% e Jeep +247%. In crescita anche Ferrari (+12,9%) e Lamborghini (+100%).

Sono sei i modelli italiani nella top ten di luglio, con Fiat Panda (11.233 unità), Fiat Punto (5.515) e Lancia Ypsilon (4.427) stabili a condurre la classifica. Al settimo posto troviamo Fiat 500X (3.240), seguita, in nona posizione, da Fiat 500L (3.202) e in decima da Fiat 500 (2.979).

“L’anno in corso potrebbe chiudersi a 1.500.000 pezzi. Lo stesso volume consuntivato nel 1980. Si può gioire del fatto che siamo tornati indietro di 35 anni?”, Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto.

SHARE
Melina Famà
Siciliana doc e amante di scarpe, borse e buon cibo. Laureata in Linguaggi dei Media all'Università Cattolica di Milano, si avvicina al mondo dei motori grazie al fidanzato, che la istruisce quasi come un maschiaccio. Gattara nell'animo, è admin di @igers_messina.