Mercato auto Europa, venticinquesimo mese di crescita consecutivo

La crescita è particolarmente sostenuta in Spagna (+22,5%) e in Italia (+17,2%), mentre Francia e Regno Unito hanno tassi di crescita vicini a quelli dell’Unione e il grande mercato tedesco cresce del 4,8%.

Bandiera-Europea

A settembre le immatricolazioni di auto nell’Unione Europea fanno registrare la 25° crescita consecutiva. Con 1.356.868 vendite, settembre fa registrare una crescita del 9,8% che porta il consuntivo dei primi nove mesi dell’anno a quota 10.413.675, con un incremento dell’8,8% sullo stesso periodo del 2014.

La crescita è particolarmente sostenuta in Spagna (+22,5%) e in Italia (+17,2%), mentre Francia e Regno Unito hanno tassi di crescita vicini a quelli dell’Unione e il grande mercato tedesco cresce del 4,8%.

“I risultati confermano che il dieselgate deflagrato il 21 settembre non ha avuto un impatto a caldo sulle immatricolazioni”, Gian Primo Quagliano, presidente Centro Studi Promotor.

Analizzando l’andamento delle vendite per grandi Gruppi si nota infatti che Volkswagen si conferma al primo posto nell’Unione con un ampio distacco sul secondo Gruppo in graduatoria e mette a segno in settembre una crescita dell’8,4%, superiore a quella dei primi otto mesi dell’anno (+7%). I gruppi che hanno ottenuto i tassi di crescita più elevati in settembre sono Daimler (+18,6%), Bmw (+17,8%) e Fca (+15,6%).

Le marche italiane hanno registrato 79.706 immatricolazioni (+15,6%), raggiungendo una quota di mercato del 5,7% (5,4% a settembre 2014). Performance positive per Fiat (+15%) e Jeep (+132,5%). Nel periodo gennaio-settembre 2015, le immatricolazioni si attestano a 667.898 unità, con un aumento del 13,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La quota di mercato passa dal 5,9% dello scorso anno al 6,2%.

“Prevediamo che il caso Volkswagen non intaccherà i volumi generali della domanda di auto nel Paese, ma allo stesso tempo seguiamo con la massima attenzione l’evolversi della situazione anche alla luce delle recenti ispezioni nella sede Volkswagen. La vendita sospesa di uno stock di 1.300 auto nuove delle 5 Case del gruppo tedesco non dovrà in alcun modo pesare sui concessionari che in questo momento detengono le vetture. Ci auguriamo che non emergano nuovi elementi in una vicenda già di per sé complicata e che venga annunciata al più presto una soluzione tecnologica per le vetture Euro 5. Una misura attesa a tutela nei confronti dei clienti e dei concessionari, entrambi parti lese”, Filippo Pavan Bernacchi, presidente Federauto.

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.