Mercato auto in Europa: a giugno aumento del 14,8%

I 5 maggiori mercati rappresentano più del 73% del totale immatricolato in UE e riportano tutti variazioni positive a doppia cifra: la più elevata è quella della Spagna (+23,5%), seguita da Francia (+15%), Italia (+15,2%), Germania (+12,9%) e Regno Unito (+12,9%).

RC Auto, -9,4% in sei mesi per il costo di una polizza auto

Grazie a un favorevole effetto calendario, che invece aveva penalizzato l’Europa a maggio, il mercato europeo archivia il mese di giugno in ripresa (+14,8%) e i 5 major market sono tutti a robusta doppia cifra.

“L’Italia si sta appena risollevando, ma  comunque cela l’effetto combinato della spinta del canale noleggio e delle poderose campagne promozionali che hanno alimentato la domanda dei privati. Ma in Italia il noleggio ha praticamente esaurito la propria spinta e le risorse messe in campo dalle Case con i concessionari non sono infinite”, Romano Valente, direttore generale Unrae.

I 5 maggiori mercati rappresentano più del 73% del totale immatricolato in UE e riportano tutti variazioni positive a doppia cifra: la più elevata è quella della Spagna (+23,5%), seguita da Francia (+15%), Italia (+15,2%), Germania (+12,9%) e Regno Unito (+12,9%).

A conclusione del primo semestre 2015, il mercato europeo ha quindi superato la soglia dei 7 milioni di unità immatricolate ed è molto probabile che tutti e 5 i maggiori mercati proseguano questo trend positivo anche nella seconda parte dell’anno: Francia, Germania e Regno Unito con una crescita più moderata (+2% circa, secondo le più recenti stime), Spagna e Italia, entrate più tardi nella fase di ripresa, con rialzi più sostenuti.

In Italia le immatricolazioni totalizzate a giugno ammontano a 146.682 unità (+14,4%). Nei primi sei mesi dell’anno, il mercato totalizza 872.951 unità immatricolate, pari al 15,2% in più rispetto al gennaio-giugno 2014.

Le marche italiane hanno registrato in Europa 87.438 immatricolazioni (+17,7%), con una quota di mercato del 6,2%, contro il 6% di un anno fa. Andamento positivo per Fiat a +14,8% e Jeep a +176,3%.

“Siamo di fronte a un mercato dopato dalla crescita dei noleggi anche per Expo e dalle campagne promozionali, senza precedenti, messe in campo dalle Case e dai concessionari che per vendere hanno rinunciato alla loro marginalità”, Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto.