Ad aprile sono state immatricolate in Italia 171.379 autovetture, per una crescita del 6,47% rispetto allo stesso mese del 2017. Sul fronte dei segmenti, sono quasi tutti in aumento, ad eccezione delle city-car che proseguono il trend di flessione e del segmento E. In calo, invece, tutte le carrozzerie ad eccezione dei Suv e dei coupè, e di una sostanziale stabilità delle station wagon. Il diesel rimane in territorio negativo nel mese di aprile, con una flessione delle immatricolazioni del 3,7%, mentre tornano a crescere le motorizzazioni benzina (+16,2%), Gpl (+9,8%) e soprattutto metano (+107%). Ottima performance anche per le ibride (+53%) e le elettriche (+96%).

“I dati del mercato sollevano anche per il nostro Paese un fenomeno già in osservazione in Germania – ha commentato Michele Crisci, presidente dell’Unrae –. La variazione del profilo del mix motorizzazioni sta avendo inevitabile impatto sulla rilevazione della CO2 media di mercato. Si impone, quindi, una riflessione sulla necessità di accompagnare la transizione verso il nuovo modello di mobilità a impatto zero per le persone e l’ambiente, sfruttando meglio tutte le tecnologie disponibili oggi senza l’inutile aggressione politica e mediatica alle motorizzazioni Euro 6 che sono quanto di più avanzato disponibile oggi”.

I marchi di Fca (escludendo Ferrari e Maserati) totalizzano nel complesso 45.976 immatricolazioni nel mese (-2,1%): andamento positivo per Alfa Romeo (+11%) e Jeep (+124,5%). Bene anche Ferrari (+85,7%) e Lamborghini (+26,7%). Nella top ten delle auto più vendute di aprile ci sono sette modelli italiani, con la Fiat Panda sempre in testa alla classifica (8.716 unità); al terzo posto la Fiat 500X (4.507), al quarto la Lancia Ypsilon (4.387), al quinto la Fiat 500 (4.334), seguita in sesta posizione da Fiat Tipo (4.053) e in settima da Jeep Renegade (4.044). Chiude la classifica al decimo posto la Fiat 500L (3.678).

SHARE
Elettra Cortimiglia
Generazione ‘95, è amante della musica, in particolare dei Linkin Park. Conosce il mondo dei motori perché si ritrova in famiglia due giornalisti d’auto. Per la serie: non c’è 2 senza 3! Gestisce una bellissima pagina Facebook dedicata ai Linkin Park e al vocalist della band.