Come si orientano gli italiani nell’acquisto di una nuova auto? Lo rivela l’indagine di AutoScout24 sull’interesse degli utenti verso gli annunci pubblicati sul sito. Al centro dell’attenzione le visualizzazioni registrate nell’ultimo anno confrontate con la disponibilità di veicoli sul territorio. Il risultato è una fotografia delle principali tendenze del mercato dell’auto online nel 2016, in Italia e nelle 10 maggiori città italiane prese in esame.

BMW IL BRAND PIÙ AMATO

Nella cinquina dei brand più amati dagli italiani, la Casa bavarese supera di pochi punti la seconda, Audi, conquistando l’11,1% delle visualizzazioni a dispetto del 10,9% della Casa dei quattro anelli. Al terzo posto c’è Mercedes col 9,3%, mentre la nazional popolare Fiat si ferma al quarto posto, ma risulta il brand preferito a Napoli (13,2%) e Torino (15,3%) ottenendo il primato assoluto sul piano dell’offerta, con il maggior numero di annunci pubblicati in Italia (il 16,1% degli annunci totali sul sito). Quinta Volkswagen al 7,8%.

I MODELLI PIÙ RICHIESTI

Se Bmw è il brand più amato, sui circa 2.500 modelli disponibili sul sito è la Bmw Serie 3 (col 3,7% delle visualizzazioni) ad attrarre maggiormente l’attenzione degli italiani, un primato confermato per 6 delle 10 principali città analizzate.

In seconda posizione c’è la Volkswagen Golf (3,4%), al terzo posto la Audi A4 (2,5%). La Golf è anche il singolo modello con la maggiore offerta in Italia, grazie al 3,1% degli annunci pubblicati. Sul piano locale, a Napoli primeggia la Fiat 500L (2,6% delle visualizzazioni), mentre la Porsche 911 è tra le cinque vetture più desiderate nelle due città siciliane oggetto dell’indagine, Palermo e Catania.

COME VARIANO I PREZZI

Secondo lo studio, la variabilità maggiore riguarda l’Audi A4: c’è una differenza di 21.282,20 euro tra Trento, prezzo medio superiore, e Ravenna, prezzo medio inferiore. Ampio margine di risparmio anche per la Bmw Serie 3, che costa mediamente di più a Reggio Emilia e di meno a Trieste, con una differenza di 15.937,30 euro. Rispetto alla media nazionale dei modelli principali, i prezzi sono più bassi a Genova, Firenze e Bari.

PRIVATO O CONCESSIONARIA?

Sono i rivenditori a conquistare maggiormente la fiducia degli italiani. Per gli annunci che li riguardano, il 64,5% delle visualizzazioni, a fronte del 54,3% sul piano dell’offerta. Dato confermato anche per le singole città analizzate, dove l’interesse si orienta prevalentemente verso annunci di rivenditori. Pari merito a Bari, mentre si registra una decisa inversione di tendenza a Palermo e Catania, dove sono i privati a prevalere con il 63% e 64% delle visualizzazioni. Percentuale nettamente a vantaggio dei privati a Palermo e Catania anche per l’offerta.

DOVE SI SPENDEREBBE DI PIÙ

Rispetto al costo che si è disposti a spendere per una nuova auto, il 2016 ha dimostrato una buona flessibilità da parte degli italiani. Le visualizzazioni, infatti, parlano di un’attenzione maggiore verso la categoria di prezzo inferiore, ovvero quella compresa tra 0 e 3.000 euro (13,8%). Le successive, tuttavia, seguono a pochi punti di distanza, con una buona percentuale di attenzione riservata anche alla fascia superiore compresa tra 40.001 e 250.000 euro (8,6%).

È Catania la città tra quelle le analizzate a essere attratta maggiormente dalle auto di questa categoria, con una quinta posizione conquistata all’11,2%. Roma, Milano, Palermo e Bologna vedono invece prevalere la fascia compresa tra 20.001 e 30.000 euro, esprimendo una maggiore propensione di spesa rispetto alle altre località. Genova è l’unica tra le città analizzate a orientarsi prevalentemente sulla fascia di prezzo inferiore (21,9%).