Roma – Da oggi parte l’iniziativa Opel per tutelare i suoi clienti dall’imminente aumento dell’Iva dal 20 al 21%, secondo il DL approvato ieri alla Camera e firmato oggi dal Presidente della Repubblica. In più rispetto all’offerta di settembre di 3.000 euro di sconto rottamazione e 4 anni di finanziamento a tasso zero, Opel pagherà ai suoi clienti il costo aggiuntivo dovuto all’aumento dell’Iva. Senza intervento da parte della Casa tedesca tale costo aggiuntivo colpirebbe sia quei clienti che hanno già firmato un contratto, ma devono ancora saldare l’auto, sia i clienti che acquisteranno una vettura nuova nei prossimi giorni, ma la pagheranno successivamente all’aumento dell’Iva. In pratica coloro ai quali è stato o verrà presentato un determinato preventivo Iva inclusa al 20%, e sulla base del quale hanno firmato un contratto e quindi un impegno all’acquisto, con l’aumento dell’Iva dovrebbero pagare un prezzo superiore. Tale aggravio sarebbe pari mediamente a circa 100 euro per una Corsa e 250 euro per l’ammiraglia Insignia.
Evidentemente l’aumento dell’Iva creerà dei costi aggiuntivi e imprevisti per i clienti. Opel nell’ottica di tutelare il più possibile i propri clienti ha quindi rapidamente messo in piedi una operazione che protegga non solo i clienti che acquisteranno una Opel da oggi fino a fine mese, ma anche quei clienti che hanno già firmato un contratto di acquisto.
<<L’operazione Opel rappresenta un forte impegno nella tutela dei nostri clienti. Ci faremo carico dell’aumento dell’Iva per tutti i clienti che hanno firmato un contratto di acquisto, ma ancora non hanno saldato l’auto, e per tutti quelli che entro settembre acquisteranno una Opel, anche se questa verrà saldata e immatricolata successivamente fino al 31 dicembre 2011 – dichiara Roberto Matteucci, amministratore delegato di Opel in Italia – Abbiamo voluto proteggere ogni nostro cliente che ha firmato un contratto di acquisto sulla base di un determinato preventivo e che altrimenti avrebbe dovuto pagare un prezzo superiore generato dall’aumento dell’Iva. Tale azione è stata pensata per tutelare non solo i nuovi clienti che acquisteranno una Opel da oggi fino a fine mese, e che avranno garanzia di un prezzo invariato anche a fronte dell’aumento dell’Iva, ma anche quei clienti che in realtà hanno già effettuato l’acquisto e che altrimenti si troverebbero costretti a pagare un prezzo superiore rispetto a quello concordato, semplicemente per l’aumento dell’Iva>>.
L’operazione Opel permetterà quindi di tutelare tutti quei clienti che già hanno acquistato una Opel e renderà chiaro e trasparente il preventivo per quei clienti che fino a fine settembre si recheranno presso una concessionaria della Casa tedesca per acquistare un’auto. L’operazione evidentemente terminerà a fine settembre quando, presumibilmente, l’aumento dell’Iva sarà già in essere. (ore 16:10)