Roma – Secondo le stime elaborate dall’Unrae, l’Associazione delle Case automobilistiche estere, le immatricolazioni dei veicoli commerciali (autocarri con peso totale a terra fino a 3,5 t) hanno registrato nel mese di ottobre 13.111 unità, con una flessione dell’8,5% rispetto alle 14.321 dello stesso periodo del 2010. Nel periodo gennaio/ottobre i 145.559 veicoli venduti evidenziano una riduzione del 4,6% rispetto ad un anno fa.
<<I risultati di questi primi 10 mesi dell’anno – afferma Gianni Filipponi, direttore generale dell’Unrae – sono la conseguenza di un primo trimestre in forte calo (-16,3%), a causa del confronto con lo stesso periodo dello scorso anno ancora interessato dagli incentivi statali e di una ripresa nel secondo (+16,2%), influenzata da alcuni timidi segnali di possibile recupero sul fronte macroeconomico – a cui il settore dei veicoli commerciali è particolarmente sensibile. A ciò ha fatto seguito una brusca frenata nel terzo trimestre (-8,5%), che sarà ancor più accentuata nell’ultima parte dell’anno, a causa dei pesanti effetti della crisi, della contrazione dei consumi globali e dell’impatto della manovra finanziaria>>.
Secondo l’Unrae a fine 2011 saranno immatricolati circa 170.000 autocarri, in calo del 6,4% rispetto all’intero 2010. (ore 11:01)