Gruppo Piaggio, primo trimestre positivo

Gruppo Piaggio, primo trimestre positivo

Mantova – Il Consiglio di Amministrazione di Piaggio & C. SPA riunitosi a Mantova sotto la presidenza di Roberto Colaninno, ha esaminato e approvato la relazione trimestrale al 31 marzo 2012. Nel primo trimestre il Gruppo Piaggio ha dovuto affrontare sia la debolezza della domanda a livello europeo nel settore delle due ruote, sia la flessione che il settore dei veicoli commerciali leggeri ha registrato sui principali mercati di riferimento. Nonostante le difficoltà presentate da tali scenari, i risultati del Gruppo sono in linea con il primo trimestre 2011. Tale performance è stata possibile grazie non solo alla forte tenuta del Gruppo in area Emea, con il costante consolidamento della leadership europea e l’incremento delle quote di mercato nei principali segmenti dello scooter e della moto, ma anche e soprattutto in virtù della strategia di globalizzazione degli investimenti, degli assetti produttivi e delle attività commerciali intrapresa con la massima determinazione dal Gruppo Piaggio.
I ricavi netti consolidati del Gruppo nel primo trimestre del 2012 sono risultati pari a 343,1 milioni di euro, rispetto a 351,7 milioni di euro del primo trimestre 2011. Nei primi tre mesi del 2012 il Gruppo ha venduto complessivamente nel mondo 142.300 veicoli, rispetto a 149.000 veicoli venduti nel primo trimestre 2011.
Nel business delle due ruote, con 88.600 veicoli venduti e 233,5 milioni di euro di fatturato, il Gruppo nei primi tre mesi del 2012 ha registrato una crescita rispettivamente del 5,9% e dell’8,5% rispetto al primo trimestre 2011. La diminuzione delle vendite in area Emea, dove il mercato ha complessivamente fatto segnare un decremento dell’8,3% nello scooter e del 7,7% nella moto rispetto ai primi tre mesi del 2011, è stata compensata dalla forte crescita del Gruppo in area asiatica, con vendite e fatturato del Gruppo risultati in crescita rispettivamente del 58,0% e del 54,8%, e in America, dove unità vendute e fatturato sono cresciuti rispettivamente del 69,8% e del 156,5%.
Nel business dei veicoli commerciali, le vendite del Gruppo hanno risentito della contemporanea flessione di tutti i mercati di riferimento (con decrementi complessivi pari al -38,7% per l’Italia,  18,7% per l’Europa e -8,8% per l’India). In tale settore, il Gruppo Piaggio ha venduto 53.700 veicoli nel primo trimestre 2012 (- 17,8% rispetto ai primi tre mesi del 2011) per un fatturato nel periodo pari a 109,6 milioni di euro (-19,7%).
Sul mercato indiano delle tre ruote, Piaggio Vehicles Private Ltd. (Pvpl) si è confermata principale player con una quota pari al 33,6% complessivo. Significativa la performance dell’export che cresce del 33% dalle circa 1.500 unità dei primi tre mesi del 2011 alle circa 2.000 unità dei primi tre mesi
del 2012. Il margine lordo industriale di periodo è pari a 101,0 milioni di euro, in diminuzione di 1,6 milioni rispetto al primo trimestre 2011, mentre in rapporto al fatturato netto il margine è cresciuto al 29,4% (29,2% nei primi tre mesi del 2011). Le spese operative sostenute nel corso del 2012 sono state pari a 87,9 milioni di euro, inferiori di circa 2,5 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente, a conferma del focus che il Gruppo mantiene costantemente al fine di ridurre i costi e mantenere elevati i livelli di redditività e produttività.
L’Ebitda consolidato nel primo trimestre 2012 si è attestato a 33,0 milioni di euro, in leggero decremento (circa 0,7 milioni di euro) rispetto al dato del primo trimestre 2011. In rapporto al fatturato l’Ebitda è risultato pari al 9,6%, in linea con il valore registrato nei primi tre mesi dello scorso anno. Al netto dell’effetto cambio, nel primo trimestre 2012 l’Ebitda risulta in crescita del 3,3% rispetto al primo trimestre 2011.
In termini di risultato operativo (Ebit), la performance del Gruppo Piaggio nei primi tre mesi del 2012 è migliore rispetto al primo trimestre 2011, con un Ebit consolidato pari a 13,0 milioni di euro, in crescita di 0,8 milioni di euro sul corrispondente periodo 2011. Rapportato al fatturato, l’Ebit è pari al 3,8%, in crescita rispetto al 3,5% del primo trimestre 2011.
Nel primo trimestre 2012 il Gruppo Piaggio ha registrato un risultato ante imposte pari a 5,8 milioni di euro, in leggera crescita rispetto ai 5,6 milioni di euro dello stesso periodo del 2011. Le imposte di periodo sono pari a 2,6 milioni di euro, con un’incidenza del 45% sul risultato ante imposte.
Il primo trimestre 2012 si chiude con un utile netto di 3,2 milioni di euro, in crescita rispetto ai 3 milioni di euro del primo trimestre 2011. L’indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2012 risulta pari a 422,4 milioni di euro. Nel raffronto omogeneo con il primo trimestre 2011, la posizione finanziaria netta registra una crescita di circa 16 milioni di euro, principalmente legata all’incremento degli investimenti (+38%) realizzati dal Gruppo per realizzare lo sviluppo internazionale delle operazioni industriali e commerciali. Nel raffronto con il dato al 31 dicembre 2011, l’incremento, pari a circa 86,5 milioni di euro, è del tutto in linea con l’andamento nei precedenti esercizi ed è dovuto all’effetto della stagionalità tipica del business due ruote che, come noto, assorbe risorse finanziarie nella prima parte dell’anno e ne genera nella seconda parte.
Il patrimonio netto al 31 marzo 2012 ammonta a 448,6 milioni di euro contro 446,2 milioni di euro al 31 dicembre 2011.
Il Piano 2011-2014 del Gruppo Piaggio prevede una forte crescita della produttività, al fine di generare valore per i clienti, i dipendenti e gli azionisti, facendo leva sulla crescente presenza internazionale, per incrementare la competitività del costo del prodotto in processi chiave quali gli acquisti, il manufacturing, la progettazione.
Dal punto di vista dei business e delle differenti aree geografiche, il Piano prevede una strategia di sviluppo coerente con lo scenario economico mondiale, e punta a una crescita decisiva nei mercati emergenti ad alto tasso di sviluppo, accompagnata dal mantenimento e dal consolidamento delle posizioni di leadership sui mercati maturi.
*****
Roma – Nel mese di aprile il mercato dell’usato prosegue il trend negativo: -18% i passaggi di proprietà netti per le quattro ruote e -21% quelli per le due ruote rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.  Per ogni 100 auto nuove ne sono state vendute 152 usate ad aprile e 165 nel primo quadrimestre.  Il mercato dell’usato da gennaio ad oggi ha fatto rilevare una diminuzione del 13,3% per le autovetture e del 12,5% per i motocicli. I dati, suddivisi per province, sono riportati nell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica dell’Automobile Club d’Italia sui dati del Pra, consultabile sul sito www.aci.it
Anche per le radiazioni delle quattro ruote prosegue il segno meno: le auto eliminate dalla circolazione, rispetto ad aprile 2011, sono state 112.573 (-5,6%), viceversa le moto 10.495 (+3,7%). Ogni 100 autovetture nuove ne sono state radiate 87 ad aprile e 94 nel primo quadrimestre.  Il mercato delle radiazioni da gennaio ad oggi ha fatto rilevare una diminuzione del 3,7% per le autovetture ed un aumento del 7,6% per i motocicli. (ore 09:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply