Torino – Fiat Industrial ha registrato dati positivi nel terzo trimestre 2012. I ricavi sono stati pari a 6,3 miliardi di euro, in crescita del 7,9% rispetto ai 5,9 miliardi di euro del terzo trimestre del 2011, grazie alla continua crescita delle macchine per l’agricoltura che ha più che compensato condizioni di mercato più deboli in altri settori.
L’utile della gestione ordinaria è stato pari a 575 milioni di euro, con un aumento di 91 milioni di euro rispetto al terzo trimestre del 2011. Il margine sui ricavi è migliorato di 0,8 punti percentuali al 9,1% trainato dalla forte performance di CNH.
L’utile netto è stato pari a 297 milioni di euro rispetto ai 204 milioni di euro del terzo trimestre del 2011 (+45,6%). L’indebitamento netto industriale, nel trimestre, è aumentato di 0,2 miliardi di euro a 2,2 miliardi di euro: l’autofinanziamento generato dalla gestione è stato più che compensato dall’aumento stagionale del capitale di funzionamento e da significativi livelli di investimento. La liquidità disponibile è pari a 4,9 miliardi di euro (5,7 miliardi di euro alla fine del secondo trimestre).
Il Gruppo ora prevede di chiudere l’anno 2012 con ricavi di oltre 25 miliardi di euro, un risultato della gestione ordinaria superiore a 2 miliardi di euro, per un risultato netto di circa 0,9 miliardi di euro e un indebitamento netto industriale tra 1,2 e 1,5 miliardi di euro.

NO COMMENTS

Leave a Reply