Stoccarda – Nel corso dell'esercizio 2012, Porsche AG ha raggiunto livelli record di vendite, fatturato e utili. Le 143.096 vetture vendute corrispondono ad un aumento del 22% rispetto al 2011. Il fatturato è aumentato del 27%, raggiungendo i 13,9 miliardi di euro. Il risultato operativo ha raggiunto i 2,44 miliardi di euro, pari ad un aumento del 27%. Anche il numero dei dipendenti ha segnato un nuovo record, raggiungendo a fine anno 17.502 persone. La società ha aumentato anche il numero dei dipendenti in formazione: invece dei 100 lavoratori dello scorso anno, a settembre hanno iniziato la loro formazione in Porsche 125 novizi.
<<Il 2012 è stato il miglior anno nella storia della nostra azienda– ha detto Matthias Müller, presidente del consiglio direttivo Porsche -. Il successo di cui Porsche gode sul mercato può essere attribuito in gran parte alle diverse opportunità di scelta offerte alla clientela. L'anno scorso l'abbiamo ulteriormente migliorato questa opportunità inserendo diversi nuovi ed  affascinanti modelli di vetture sportive>>.
Lutz Meschke, direttore finanziario di Porsche, ha sottolineato <<la sana struttura dei costi e il costante, elevato livello di redditività>> della società. L'utile operativo sulle vendite ha quindi raggiunto il 18%. <<Con la nostra posizione internazionale e una rigorosa gestione dei costi – ha aggiunto Meschke – rimaniamo, nel complesso, cautamente ottimisti per l'esercizio 2013, e ci battiamo per un risultato che parta dal livello molto elevato dell'anno precedente>>.
La liquidità netta nel settore automobilistico, che significa passività lorde meno liquidità finanziarie esclusi i servizi finanziari, è migliorata passando da un valore negativo di 2,58 miliardi di euro al 31 dicembre 2011 ad un valore negativo di 1,87 miliardi di euro al 31 dicembre 2012. Porsche ha così compiuto un altro passo avanti verso il suo obiettivo a medio termine di una riduzione totale dell'indebitamento netto, finanziando la propria crescita con il cash flow operativo.
Nell'esercizio 2012, la serie con il più alto tasso di crescita è stata la 911. Le vendite sono aumentate del 49%, pari a 26.203 vetture. Con 77.822 vetture vendute, pari ad un aumento del 30% rispetto all'anno precedente, la Cayenne è la serie che ha raggiunto le vendite più alte.
Un esame della distribuzione regionale mostra la costante importanza del mercato nordamericano, dove le vendite sono aumentate del 34%, raggiungendo le 39.192 unità. In Cina (compresa Hong Kong), la crescita è pari al 32%, con 33.590 vetture vendute. In Germania le vendite sono aumentate del 16%, raggiungendo le 16.090 vetture. In Europa (Germania esclusa), il costruttore di vetture sportive ha registrato un incremento dell’8%, pari a 31.094 unità. Nel resto del mondo, crescita del 19%, pari a 23.130 unità.
Quanto alla produzione, infine, sempre nell'esercizio 2012 è cresciuta del 19%, pari a 151.999 unità. Questo significa 28.419 unità per la 911 (+31%), 83.208 vetture per la Cayenne (+34%) e 27.056 vetture per la Panamera (-15%). Della serie Boxster sono state prodotte 13.316 unità (+9%).

Gruppo PORSCHE AG

Gennaio – Dicembre
2012 2011 Variazione (%)
Vendite (unità) 143.096 116.978 + 22,3
911 26.203 17.607 + 48,8
Boxster/Cayman 11.740 11.280 + 4,1
Cayenne 77.822 59.873 + 30,0
Panamera 27.331 28.218 – 3,1
Produzione (unità) 151.999 127.793 + 18,9
911 28.419 21.748 + 30,7
Boxster/Cayman 13.316 12.207 + 9,1
Cayenne 83.208 62.004 + 34,2
Panamera 27.056 31.834 – 15,0
Ricavi (mln €) 13.865 10.928 + 26,9
Risultato Op. (mln €) 2.439 2.045 + 19,3
Dipendenti 17.502* 15.307* + 14,3