Parigi – Nel contesto di un mercato europeo complessivamente depresso e di mercati internazionali con evoluzioni contrastate, nel primo semestre 2013 Automobiles Peugeot registra 808.000 vendite mondiali. Le vendite di veicoli assemblati (808.000) sono pressoché stabili rispetto al primo semestre 2012 (812.000). Il calo di 147 000 unità (-15,4%) è da imputare quasi interamente alla sospensione delle consegne di componenti preassemblati all’Iran, interrotte dal febbraio del 2012.
Il marchio francese può contare su numerose leve di progresso per il secondo semestre e per il successo della sua strategia a medio termine. Tra queste: la performance nella maggioranza dei grandi mercati in crescita; il successo dei lanci recenti (208, 2008, 301, 308 Cina); i lanci attesi per il secondo semestre (in particolare nuova 308);  la conferma della politica di crescita all’interno della gamma.
Nel primo semestre 2013 il marchio Peugeot ha portato avanti la sua offensiva prodotto. La 208 ha superato in giugno il traguardo delle 400 000 unità prodotte, in Europa (Francia e Slovacchia) e in Brasile. A poco più di un anno dal suo lancio commerciale, l’erede della saga della serie 2 di Peugeot conquista in Europa il secondo posto nella contesissima categoria delle berline del segmento B. A fine maggio 2013, occupa il primo posto della categoria in Francia, nei Paesi Bassi e in Danimarca, il 2° in Svizzera, Norvegia e Portogallo, il terzo in Belgio, Lussemburgo e Slovenia.
All’inizio della primavera l’offerta si è arricchita di due versioni emblematiche: 208 XY, la versione urban chic ed esclusiva, e 208 GTi, che fa rivivere il mito sportivo. 208 contribuisce alla crescita della gamma del marchio: nel primo semestre, il 30 % degli ordini hanno riguardato i livelli di allestimento 3, 3+, GTI e XY. La diffusione internazionale della 208 è stata completata nel primo semestre con il lancio industriale in Brasile e la commercializzazione in America Latina e in Russia.
In questo periodo sono state commercializzate 179.000 unità di 208.
Il crossover urbano 2008, lanciato all’inizio di maggio 2013, con 4 settimane di anticipo, nel nuovo mercato emergente dei cuv (Cross utility vehicles) del segmento B, ha avuto un’accoglienza eccezionale (29 000 ordini cumulati). In giugno, gli ordini in Europa hanno superato del 31 % un obiettivo che era già stato rivisto al rialzo, privilegiando i livelli superiori dell’offerta (73 % nei livelli 3 e 4). Questo successo si tradurrà in un aumento della capacità produttiva dello stabilimento di Mulhouse e la creazione di un turno supplementare per la produzione; a partire dal prossimo mese di ottobre, 615 veicoli 2008 usciranno quotidianamente dalle linee del sito alsaziano.
La Peugeot 301 ha continuato nel primo semestre 2013 la sua diffusione commerciale, iniziata negli ultimi mesi del 2012. Ha fatto registrare 37.000 vendite (superiori del 40 % all’obiettivo nel periodo) e nel secondo semestre beneficerà della dinamica delle performance nei suoi primi mercati (Algeria, Turchia) e dei volumi complementari nelle regioni in cui è stata lanciata nel corso del secondo trimestre (Medio Oriente, Russia).
L’impegno ambientale di Peugeot è illustrato dalle cifre del primo semestre: l’offerta di tre modelli ibridi diesel HYbrid4, l’ottimizzazione delle motorizzazioni benzina e HDi, l’estensione dei motori 3 cilindri benzina di nuova generazione 1.0 l e 1.2 litri (208, 2008 e 301) e l’ampia diffusione del motore stop & start e-HDi hanno permesso al Marchio di ridurre le emissioni medie ponderate della sua offerta europea a 116,3 g/km CO2 (5 mesi 2013), contro i 121,5 g/km CO2 del 2012.
In un mercato europeo autovetture + veicoli commerciali in calo del 6,7 % nel primo semestre 2013, in un contesto di competitività dei prezzi che rimane sostenuto, Peugeot, propendendo per i canali di distribuzione più redditizi, ha adottato un approccio sano delle sue vendite; il Marchio realizza 473 000 immatricolazioni (394.000 autovetture e 79.000 veicoli commerciali), in calo del 10,3 %, pari ad una quota di mercato del 6,6 %, contro il 6,8 % dell’anno precedente. Quest’evoluzione riflette un mix di mercato sfavorevole, dovuto alla debolezza persistente nei grandi mercati dell’Europa meridionale, che tradizionalmente erano quelli trainanti per il Marchio.
Peugeot conferma la posizione di quarto marchio europeo nel primo semestre 2013, con una quota di mercato autovetture + veicoli commerciali in lieve crescita in molti grandi paesi del perimetro, in particolare in Francia, Spagna, Italia e Olanda. Da rilevare in modo particolare il risultato del Marchio in Spagna: con 37.300 immatricolazioni (8,7 % del mercato), Peugeot conquista il primo posto (terzo nel primo semestre 2012) in un mercato spagnolo in via di stabilizzazione.
Infine, Peugeot registra un incremento della quota di domanda europea di veicoli commerciali, che si assesta al 10,8% (10,6% nel primo semestre 2012), consolidando così il suo 4° posto in questo mercato.
Nel corso del primo semestre 2013, l’offensiva di Peugeot nei mercati internazionali ha subito una forte accelerazione, con vendite di veicoli (348.000) in crescita del 21,2 % rispetto al primo semestre 2012. I risultati ottenuti nei paesi extraeuropei hanno così rappresentato il 43 % delle vendite mondiali del marchio, contro il 35 % dell’anno precedente. Nei principali mercati il crescita, il Marchio ottiene risultati superiori a quelli del mercato. Infatti, in Cina, secondo principale mercato di Peugeot in termini di volumi nel periodo, il ha registrato 139.800 vendite nel primo semestre, in crescita del 35 % (+ 16 % per il mercato). Peugeot ottiene anche una quota di mercato dell’1,9 %, in aumento di 0,3 punti.
Da notare il successo della 308 tre volumi (43 700) e l’eccezionale accoglienza riservata alla 3008, lanciata industrialmente in Cina all’inizio dell’anno, con vendite (24.600) superiori del 40 % all’obiettivo che ci si era prefissati. In America Latina, le vendite crescono del 15% nel primo semestre (87.300). In Argentina, con 52.000 immatricolazioni (+ 25 %), Peugeot raggiunge una quota di mercato del 10,9 % (+1,5 punti). In Brasile (27 500 immatricolazioni), Peugeot conta di riguadagnare rapidamente terreno, traendo pieno vantaggio, nella seconda parte dell’anno, del recente lancio della 208, ora prodotta nel sito di Porto Real (Stato di Rio de Janeiro). Nella regione Russia, Peugeot ha fatturato 20.200 veicoli, prima dell’ampliamento delle gamme 208 e 301, lanciate commercialmente in primavera.
Nel bacino del Mediterraneo, Peugeot registra globalmente una netta crescita, grazie ai risultati nel mercato algerino. In Algeria, secondo mercato dell’Africa per dimensioni, Peugeot continua infatti la fortissima crescita, alla quale contribuisce soprattutto la nuova 301, e conferma il suo 1° posto in questo mercato: con 48.600 veicoli immatricolati, in aumento del 63 % (+ 13 % per il mercato), ha registrato una penetrazione del 19 %, in aumento di 6 punti rispetto al primo semestre 2012.