L’Europa dei 27 ha registrato il terzo segno positivo consecutivo (+0,9%), nonostante due dei major market, Germania (-2,0%) e Francia (-4,0%), siano tornati in territorio negativo a far compagnia all’Italia (-4,5%). La Spagna, grazie al piano di rinnovo del parco auto, tiene un buon passo (+15,1%) insieme alla Gran Bretagna (+7%).
Secondo i dati comunicati oggi dall’Associazione dei costruttori europei, il mercato EU 27 + Efta ha immatricolato 975.281 vetture (+0,9%), portando gli 11 mesi dell’anno a 11.360.874 unità, in calo del 2,8% sui risultati dello stesso periodo 2012.
Da un’elaborazione del Centro Studi Promotor emerge che il risultato di novembre deriva da una crescita di una certa consistenza nei Paesi della UE che non hanno adottato l’euro (+4,7%), mentre nella zona euro, dopo il tentativo di ripresa di ottobre, in novembre il mercato non cresce (-0,1%).
<<E' del tutto evidentesostiene il Centro Studi Promotorche i problemi del mercato dell'auto nell'Eurozona e nella UE (di cui l’Eurozona e un'area molto importante) sono strettamente legati alla politica economica di rigore senza crescita che sta caratterizzando la zona euro con il sempre più concreto pericolo di deflazione>>.
Le marche italiane hanno registrato, in Europa, 55.637 immatricolazioni nel mese (-5,8%), con un segno positivo per il marchio Jeep (+1,0%). Nel periodo gennaio-novembre 2013, i volumi immatricolati ammontano a 688.645 unità (-8,0%).

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.