Parigi – Nel 2013, nel contesto di un mercato europeo globalmente depresso, benché in via di stabilizzazione, e dimercati internazionali caratterizzati da evoluzioni contrastate, Peugeot ha registrato 1.553.000 vendite mondiali. Le vendite di veicoli assemblati, pari a 1.552.000 unità, sono state stabili rispetto al 2012 (1.555.000 unità). Il calo delle vendite totali, – 8,7 %, nel 2013 è interamente imputabile alla sospensione della consegna di componenti preassemblati all’Iran, a partire dall’aprile del 2012 (-144.000 unità).
Il Marchio dispone di alcune leve di progresso per il 2014. Tra queste: prosieguo di una politica dinamica di lanci e di prodotto, arricchimento dell’offerta della nuova 308 con la versione SW e con nuovi gruppi motopropulsori (BlueHDi, Pure Tech, nuovo cambio automatico, rinnovamento nel segmento A; evoluzione dell’offerta di veicoli commmerciali leggeri di grande capacità; successo dei lanci recenti (2008, 301, 308, 3008 Cina, ecc.); prosieguo della politica di crescita all’interno della gamma; prevista ripresa dei mercati dell’Europa meridionale, utili per la crescita delle vendite del Marchio in Europa, la performance nella maggioranza dei grandi mercati in crescita
Nel 2013 Peugeot ha portato avanti il rinnovamento e l’ampliamento della propria offerta prodotto. La 208 si appresta a superare il traguardo delle 600mila unità prodotte, in Europa e in Brasile, dal momento del lancio, avvenuto nel 2012. Nel 2013 (11 mesi), conferma la sua posizione tra le prime tre vetture del molto competitivo segmento B europeo, soprattutto in Francia, Belgio e Lussemburgo, nei Paesi Bassi, in Portogallo e in Danimarca. L’erede della saga delle serie 200 ha completato la sua offerta nella primavera del 2013 con due versioni emblematiche, 208 XY e 208 GTi, che a fine dicembre hanno totalizzato circa 9.500 ordini.
Quasi un terzo dei clienti di 208 sceglie le versioni 3 & 3+ (Féline, XY e GTi). La 208 si è anche distinta nelle competizioni: vittoria e record della 208 T16 Pikes Peak nella mitica cronoscalata americana, tripletta delle 208 GTi Peugeot Sport nella loro categoria alla 24 Ore del Nürburgring e lancio delle versioni competizione clienti (208 R2 , 208 Racing Cup Circuito e 208 T16).
Il crossover urbano 2008, con oltre 82 000 ordini clienti a fine dicembre, dal lancio avvenuto nella primavera del 2013, ha riscosso un successo superiore agli obiettivi prefissati, nella categoria in rapida espansione dei cu del segmento B. Il forte potere di seduzione della 2008, confermato dai numerosi premi di cui è stata insignita in Europa, ha comportato un aumento della capacità produttiva dello stabilimento di Mulhouse, portata progressivamente a 650 unità/giorno. E’ anche un successo qualitativo, con un mix di allestimenti particolarmente alto: infatti il 69 % degli ordini europei riguarda i livelli di allestimento 3 & 4 dell’offerta 2008, a fronte di un obiettivo iniziale del 48 %. La vocazione internazionale del modello della 2008 si concretizzerà con il lancio commerciale della vettura in Cina nel 2014, e poi in Brasile nel 2015.
A fine dicembre, con oltre 35mila ordini in poco più di tre mesi di vita commerciale, e ancor prima del suo lancio in Gran Bretagna e poi in vari mercati internazionali, la nuova 308 ha riscosso un successo superiore agli obiettivi ambiziosi che le erano stati assegnati. Con un mix superiore al 50 % nei livelli di allestimento 3 & 4 (Allure & Féline), anche lei dimostra che tutti i modelli del marchio contribuiscono all’innalzamento della gamma. Già insignita di numerosi premi (Francia, Svizzera, Spagna, Croazia, Slovacchia), la nuova 308 è tra le 7 finaliste del prestigioso premio  Car of the Year  2014. Alle numerose qualità, la nuova 308 aggiunge una sicurezza ai massimi livelli, attestata dalle 5 stelle ottenute di recente nel nuovo protocollo dei test EuroNcap. Nella prossima primavera, l’offerta della nuova 308 si arricchirà di una nuova variante (SW) e di nuovi gruppi motopropulsori particolarmente innovativi, come il 1.6l BlueHDi e l’inedito 1.2 litri Thp, nonché di un nuovo cambio automatico.
Nuovo strumento di conquista nei mercati emergenti (93 % dei volumi venduti nei paesi extraeuropei), lanciata di recente industrialmente e commercialmente in Cina, la 301 è stata venduta in più di 67mila esemplari nel 2013. Si è fatta particolarmente onore in Algeria e in Turchia. La 301 contribuirà nel 2014 alla crescita del Marchio con un volume di almeno 130 000 vetture nel mondo (di cui 65 000 in Cina).
Nel 2013, con 338mila unità, i veicoli premium hanno rappresentato più di un quinto (22 %) delle vendite totali del Marchio, contro il 18 % del 2012. Tra questi, la 508, nelle sue versioni con motori termici e HYbrid4, è stata venduta in 89mila unità, di cui il 30 % in Cina. Il crossover 3008/3008 HYbrid 4 ha conquistato 141mila clienti, soprattutto in Europa e in Cina, mentre sono stati consegnati 74mila  esemplari del crossover urbano 2008.
La RCZ, la cui offerta si arricchisce di una innovativa versione R sviluppata da Peugeot Sport, ha sedotto più di 9.200 clienti mentre le Coupé Cabriolet e il suv 4008 sono stati venduti rispettivamente in 14.500 e 9.100 esemplari.
L’impegno ambientale di Peugeot si riflette nelle cifre del 2013: l’offerta di tre modelli HYbrid 4, l’ottimizzazione dei motori benzina e HDi, l’estensione delle gamme dei motori 3 cilindri benzina di nuova generazione (1.2l VTi) e la vasta diffusione dello Stop & Start e-HDi, hanno permesso al Marchio di ridurre le emissioni medie ponderate della sua offerta europea a 115,2 g/km CO2 (11 mesi 2013), contro i 121,6 g/km CO2/km del 2012.
Peugeot porta avanti il proprio impegno per raggiungere l’obiettivo di 2 l/100 km entro il 2020 : il veicolo dimostratore tecnologico 208 HYbrid FE, sviluppato in collaborazione con TOTAL, esplora numerosi campi di sviluppo e centra l'obiettivo di ridurre le emissioni a 46 g/km CO2 (1,9 l/100 km).
Nel contesto di un mercato europeo che rimane competitivo in termini di prezzi, con un lieve calo dell’1,6 % e in via di stabilizzazione nel secondo semestre, Peugeot, optando per i canali di distribuzione più redditizi, ha adottato nel 2013 un solido approccio commerciale.
Peugeot ha migliorato progressivamente i suoi risultati in Europa nel corso del 2013, rispetto al 2012: in calo dell’11,7 % nel primo trimestre, le sue immatricolazioni hanno poi registrato una ripresa nel corso dell’anno, per raggiungere una crescita del 3,5 % nel quarto trimestre.
Il Marchio ha totalizzato 897.000 immatricolazioni (743.000 autovetture e 154.000 veicoli commerciali leggeri), in calo del 6,1%, con una quota di mercato del 6,5 %, contro il 6,8 % dell’anno precedente. Quest’evoluzione riflette un mix mercato sfavorevole, nel contesto della debolezza persistente dei grandi mercati dell’Europa meridionale, tradizionalmente i più importanti per il Marchio.
Nel 2013 ha registrato una quota di mercato in crescita in numerosi Paesi, soprattutto in Spagna, in Francia, in Portogallo e in Irlanda e volumi in crescita in Gran Bretagna, in Spagna e in Portogallo. Da notare che in Spagna Peugeot si posiziona come leader ex-aequo del mercato totale ed è al primo posto incontrastato nel mercato dei veicoli commerciali leggeri.
In Europa Centrale ed Orientale, nel contesto di un mercato complessivamente stabilizzato, Peugeot
registra un incremento delle sue immatricolazioni del 6,3 %, con sensibili aumenti nei principali mercati della regione (Ungheria, Polonia, Slovacchia, Repubblica Ceca). Nel mercato europeo dei veicoli commerciali Leggeri, mantiene le sue posizioni forti con una quota di mercato quasi stabile del 10,5 %.
Con 673mila veicoli assemblati, la quota delle vendite di Peugeot nei mercati extraeuropei aumenta dal 39 % al 43 % e si inserisce nell’obiettivo del Marchio di realizzare il 50 % delle sue vendite nei Paesi extraeuropei entro il 2015.
Il 2013 mostra un’accelerazione del Marchio nella quasi totalità dei grandi mercati di crescita mondiale. In Cina, primo mercato automobilistico del mondo, Peugeot registra una performance eccezionale con vendite in crescita del 25,8 % (+ 19 % per il mercato), assestandosi a un livello record di 272 000 unità, e a una quota di mercato dell’1,8 % (1,7 % nel 2012). Peugeot raccoglie così i frutti di una politica prodotto ambiziosa (due lanci nel 2014 : 3008 Cina e 301), dello sviluppo della sua rete (540 concessionari a fine 2013), del suo approccio rigoroso alla clientela cinese (1. nella classifica JD Power Cina come servizio Post-Vendita) e dello sviluppo di nuovi gruppi motopropulsori (e-Power).
In America Latina (Argentina, Brasile, Cile, Messico), le immatricolazioni del Marchio crescono del 4,6 %, ossia il doppio rispetto al mercato del perimetro (+ 2,9 %), nonostante i risultati contrastati all’interno della regione.
In Argentina, con 98 300 immatricolazioni, in aumento del 21,6 % – quasi il doppio della crescita delmercato – Peugeot ottiene un nuovo record storico. Da segnalare, in particolare, il successo del lancio della 208, commercializzata nell’estate del 2013, la quale ha già conquistato il 2° posto di un segmento B (secondo semestre) che rappresenta il 65 % del mercato argentino. In Cile, le immatricolazioni di totalizzano una crescita del 33,1 %, assestandosi a 12 000 unità, in un mercato che fa segnare un + 10,3 %. In Messico, crescono del 33,4 %, assestandosi a 6 900 unità, con una crescita decisamente superiore a quella del mercato (+ 7,9 %). In Brasile, invece, in un contesto economico difficile e in un mercato automobilistico in forte tensione, la 208, lanciata nel corso dell’anno, non ha ancora permesso al Marchio di riprendere il cammino della crescita. Peugeot ha venduto 57.500 veicoli, in calo del 20,2 % in un mercato anch’esso in lieve calo (-1,5 %). In Russia, in cui il mercato ha subito una contrazione del 5,4 % nel 2013, il Marchio ha scelto di limitare le proprie vendite, perché la loro redditività è stata fortemente degradata da una parità Euro-Rublo decisamente sfavorevole. In questo particolare contesto, Peugeot ha immatricolato 33 900 veicoli, in calo del 23,8 %. Invece, le vendite aumentano del 26,3 % (5 400 unità) in Ucraina, in un mercato che rimane in calo.
In Algeria, a fronte di un mercato in lieve consolidamento (-1,5 %), Peugeot stabilisce un nuovo record con 74.400 immatricolazioni (+ 12,1 %) al quale contribuisce il successo della nuova 301.
Il Marchio, leader del mercato per la prima volta dopo 10 anni, registra infatti una penetrazione del 17% (15 % nel 2012). Infine, in Turchia, grazie anche all’accoglienza molto positiva riservata alla 301, il Marchio assiste ad un incremento delle immatricolazioni del 15,1 % nel 2013, pari a 34mila unità (+ 9,8 % per il mercato).