Auto in Italia +5,02% a luglio

Auto in Italia +5,02% a luglio

In luglio in Italia sono state immatricolate 113.777 autovetture con una crescita del 5,02% sullo stesso mese del 2013. Il consuntivo dei primi sette mesi dell’anno chiude con 871.334 immatricolazioni con un incremento del 3,65%. La crescita di luglio è coerente con l'andamento dei primi sei mesi del 2014 che, dopo l’inversione di tendenza di dicembre, hanno fatto registrare una serie di incrementi ad una cifra, salvo che in maggio in cui le vendite hanno accusato un calo di -3,83%.
Dopo una caduta sui livelli ante-crisi, che nel 2013 ha toccato il 47,7% il mercato italiano dell’auto sembra quindi destinato a stabilizzarsi leggermente al di sopra del livello dello scorso anno, mentre negli altri mercati della fascia meridionale dell’Eurozona, fortemente penalizzati (come il mercato italiano) dalle politiche di austerity, è in atto un recupero molto più robusto. A fine giugno il mercato greco cresce infatti del 23,4%, quello portoghese del 37,7% e quello spagnolo (grazie anche a un piano di incentivi) del 17,8%. D‘altra parte, l’andamento sostanzialmente piatto del mercato automobilistico italiano è coerente con la situazione di stagnazione in cui è entrata l'economia italiana. Uno stimolo per favorire un rafforzamento del recupero in atto ed avere così tassi di crescita a due cifre anche in Italia potrebbe venire dal programma di agevolazioni fiscali annunciato martedì scorso dal ministro Lupi, a patto, tuttavia, che all’annuncio segua in tempi rapidissimi un provvedimento immediatamente esecutivo. Se così non fosse si potrebbe avere un impatto fortemente negativo sul mercato in quanto l’attesa delle agevolazioni annunciate potrebbe far rinviare anche decisioni di acquisto già mature.
<<Ovviamentesottolinea il Centro Studi Promotorè anche necessario che le agevolazioni fiscali annunciate abbiano un contenuto economico tale da stimolare la domanda. La prospettiva adombrata dal ministro Lupi viene però vista con cautela dagli operatori del mercato dell’auto. Dall’inchiesta congiunturale mensile condotta dal Centro Studi Promotor emerge infatti che la quota dei concessionari che prevedono a tre-quattro mesi domanda stabile o in aumento in luglio è salita in misura non significativa rispetto a giugno passando dal 60% al 62%>>.
D’altra parte, dalla stessa fonte emerge che la modesta crescita delle immatricolazioni in luglio è dovuta in larga misura alla raccolta ordini dei mesi precedenti, mentre per il mese di luglio ben il 76% dei concessionari dichiara un livello di acquisizione di ordini basso e il 73% dichiara anche una bassa affluenza di visitatori nelle show room.
Sulla base di queste indicazioni il Centro Studi Promotor <<ritiene possibile che, in mancanza delle agevolazioni fiscali annunciate, è possibile che il mercato italiano abbia difficoltà nei prossimi mesi a mantenere anche il modesto tasso di recupero della prima parte del 2014>>. Il Centro Studi Promotor ritiene comunque <<di confermare la sua previsione di 1.350.000 immatricolazioni nell’intero 2014, con un incremento sul 2013 che potrebbe essere quindi del 3,5% e quindi decisamente inferiore ai tassi di crescita del 2014 dei paesi dell’Eurozona più fortemente colpiti dalla crisi dell’economia e dell’auto degli ultimi anni>>.
Le marche nazionali, nel complesso, totalizzano nel mese 31.258 immatricolazioni (-1%), mentre nel progressivo da inizio 2014 i volumi ammontano a 244.365 unità (-0,5%). I marchi di Fiat Group Automobiles (escludendo Ferrari e Maserati) totalizzano 31.054 immatricolazioni nel mese (-1,4%) e 243.145 immatricolazioni (-0,7%) nei primi sette mesi dell’anno. Segno positivo, a luglio, per i marchi Fiat (+6%), Jeep (+45,5%), Ferrari (+68,7%) e Maserati (+805,9%). Anche Lamborghini chiude il mese in rialzo (+400%). Nei primi sette mesi del 2014, risultati positivi per Fiat (+1,4%), Jeep (+37,3%), Ferrari (+5,8%) e Maserati (+627,6%).
Sono sempre cinque i marchi italiani presenti nella top ten dei modelli più venduti a luglio. Si conferma in testa alla classifica Fiat Panda (8.953 unità), seguita, in seconda posizione, da Fiat Punto (5.285), che risale di due posti rispetto al mese precedente e, al terzo posto, da Fiat 500 (4.348). In quinta posizione troviamo Lancia Ypsilon (3.610), che risale di un posto rispetto a giugno, mentre in sesta posizione si colloca Fiat 500L (3.459).
In testa alla top ten diesel del mese, troviamo Fiat Punto (2.529 unità), che conquista ben otto posizioni rispetto al mese precedente. Al secondo posto si colloca Fiat Panda (2.300), in risalita di tre posizioni, seguita da Fiat 500L (2.132), terza in classifica. Al decimo posto, infine, troviamo Alfa Romeo Giulietta (1.332).
Stabile sugli stessi livelli di un anno fa, come già il mese scorso, il mercato dell’usato, che a luglio totalizza 364.390 trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture a concessionari. Nel cumulato da inizio 2014, si registra un leggero ribasso (-1,2%) rispetto allo stesso periodo del 2013, per un totale di 2.474.716 unità.

NO COMMENTS

Leave a Reply