L’avvio positivo del mercato di gennaio ha confermato nelle Case automobilistiche che fare previsioni di incrementi di vendita nel 2004 non è pratica fuorviante o ottimismo mal riposto. C’e’ chi è cauto nello spigersi sulla strada delle previsioni, chi vola alto, chi al contrario obiettivamente prevede un calo e si prepara a fronteggiarlo in attesa di tempi migliori.
La Fiat, ad esempio, prevede di vendere nel 2004 480.000 unità a fronte delle 461.250 del 2003, con un incremento del 4,1%. Per rimanere nell’ambito del Gruppo torinese, Lancia prevede 103.000 unità contro le 86.885 acquisite nel 2003, cioè un +18,5%, mentre Alfa Romeo prevede un salto da 81.550 a 90.000, +10,4%.
Per quanto riguarda le straniere che operano in Italia, ecco le previsioni per ciascuna di esse:
Ford da 197.338 a 200.000, +1,3%; Renault da 167.523 a 168.000, +0,3%; Opel da 164.686 a 185.000, +12,3%; Volkswagen da 146.647 a 165.000, +12,5%; Citroën da 131.337 a 130.000, -1,0%; Toyota da 126.730 a 124.000, -2,1%; Peugeot da 118.296 a 125.500, +6,1%; Mercedes da 70.732 a 71.000, -0,4%; Nissan da 62.963 a 72.000, +14,4%; Audi da 50.998 a 55.000, +7,8%; Bmw da 46.699 a 58.000, +24,2%; Seat da 39.070 a 43.000, +10,1%; Hyundai da 35.430 a 42.000, +18,5%; Daewoo da 33.983 a 40.000, +17,7%; Smart da 31.037 a 36.000 +16,0%.
Chi vivrà vedrà.

Dal 1993 pubblicista iscritta all’Ordine dei giornalisti. Diplomata al Conservatorio, ha fatto esperienze musicali come cantante. Le piace Brahams ma ascolta Charlie Parker. Ha un debole per il sushi e la cucina cinese. Ama i gatti neri. Collaboratrice di Automotonews.com dal 2001.

NO COMMENTS

Leave a Reply